Pagina:La Cicceide legittima.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Si prega il Sig. Conte Ronchi a formar l’Inscrizione per la sepoltura di D. Ciccio.

cccii.

IN questa, sì mirabile a vedere
     Per l’industre lavor marmorea fossa,
     Se noi sai, di D. Ciccio albergan l’ossa.
     4Oh troppo al viver suo Parche severe!
Ma ciò, che sappiam noi, Conte, è dovere
     Che’l sappia ogni altra gente, onde commossa
     Da giusta compassione, almen gli possa
     8Recitare in passando un M ....
Fallo tu dunque noto a le persone,
     E con un Epigramma, o col capriccio
     11D’una qualche tua nobile Iscrizione;
Ma perchè dare a te cotale impiccio;
     S’io sol vi scrivo: Qui giace un C ....
     14Sempre s’intenderà, che sia D. Ciccio.


L’Elogio.

ccciii.

COlà dove di vita orbato, e casso
     Stava in alto Feretro esposto il mio
     Caro D. Ciccio, alcuni Amici, ed io
     4Al Tempio Priapeo volgemmo il passo;
Parato era di brun dal sommo al basso,
     E mentre quivi al ministero pio
     Intento era ciascuno, alzar s’udìo
     8Da cento gole un musical fracasso.
D’intorno al Cataletto, in cui giaceva
     La nobil salma, i gemiti ascoltassimo
     11Di Turba, che’l gran caso egra piangea:
Poi verso un Cartellone i lumi alzassimo
     Contenente l’Elogio, il qual dicea:
     14Divo Ciccio C.... Optimo Massimo.



L'Epi-