Pagina:La Cicceide legittima.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164


Pretensione dell’Autore per aver messa insieme l’Opera della Cicceide.
Al Sig. Co: Ronchi.

cccxxiv.

SE Polidor Virgilio (il qual tu sai,
     C’ha scritto de’ primier Ritrovatori
     De le cose del mondo) avverrà mai,
     4Che si ristampi da gli Stampatori,
Conte, ho pensier d’esser con gli altri omai
     Annoverato anch’io fra gl’Inventori,
     E spero, che tu pur con gl’Impressori,
     8Per farmel conseguir t’adoprerai.
Che se già l'Aretino in quel librazzo
     Mostrò con tanto scandalo de’ buoi
     11I cento modi d’adoperare il C....
Io con ducento, e più nuove invenzioni
     Qui per mio puro, e genial solazzo
     14Mostro, come s’adoprino i C....


L'Autore consacra la sua Cicceide alla Tomba del defonto D. Ciccio.
Al Sig. Curzio Picotti.

cccxxv.

Curzio, ecco l’Urna, ecco quell' Urna, in cui
     Han serrato D. Ciccio i Fati rei!
     In quest'Urna il serraro, e in un con lui
     4L’argomento più bel de’ versi miei.
Quindi più non poss’io recar, qual sei,
     Dilettevol trastullo al gusto altrui,
     Poiché tra il fosco orror de gli antri ascrei
     8Mi mancò lo splendor de’ gesti suoi.
In atto dunque ossequioso, e muto
     Con queste note a l'Urna il plettro appendo,
     11E la Cicceide mia gli offro in tributo.
$e i C.... mi dier vita, io ben sapendo
     Ciò, che per gratitudine è dovuto,
     14Con questo libro ad un C.... la rendo.



L'Au-