Pagina:La Cicceide legittima.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

191

Impresa di D. Ciccio entrato nell’Accademia degli Umoristi.

xxviii.

PRopostosi D. Ciccio, e ballottato,
     Rimase al fin fra gli Umoristi ammesso,
     E l’impresa di lui nel tempo stesso
     4Esposta fu tra l’altre al destro lato.
Quì dunque si vedea delineato
     Un Alce, e un branco d’Oche intorno ad esso,
     Ma senza il motto solito, ond’espresso
     8Non ben restava il suo significato.
Così l’oscurità de l’invenzione
     Fè, ch’oscura pur anche agli occhi altrui
     11Ne rimanesse l’interpretazione;
Ma poscia udissi a dir, che chi per lui
     L’avea così formata, ebbe intenzione
     14Di dire: O che gran Bestia egli è Costui.


In occasione delle guerre d’Europa l’anno 1690

xxx.

L Angue la bella Europa, anzi la brutta,
     (Che tale è divenuta, e tal la rese
     Quel morbo marzial, che la sorprese
     4Onde s’è tanto estenuata, e strutta.)
Ancor però, che sia sì mal ridutta,
     In te, D. Ciccio, ha le speranze intese;
     Porgi tu dunque a lei la man cortese,
     8Onde al tranquillo suo sia ricondutta,
E non sia novità, che sovvenuta
     Oggi venga da te, né ch’ella scampi
     11Per opera tua dalla mortal caduta;
Ch’altre volte colà, quando perduta
     S’era tra i gigli de’ Sicani Campi,
     14Dalla schiena d’un Bue fu sostenuta,



I2 Il