Pagina:La Cicceide legittima.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

51

A D. Ciccio nelle presenti copiosissime pioggie, ed inondazioni.

xcix.

D. Ciccio, e che sarà con tanto piovere,
     Che più lo stesso mar nol può ricevere?
     Son le campagne omai sazie di bevere
     4Ma non han che mangiar le genti povere.
Già fuor dell’altre rive il passo muovere
     Veggo l’Arno a Firenze, a Roma il Tevere;
     Rotti i ripari, alla Stellata, e a Revere,
     8Già va baccando il Pò sovra ogni Rovere.
Ma se di nembi armato il Ciel colerico,
     Lancia contro di noi gli aquosi spicoli,
     11Onde a ciascun quest’anno è il climaterico,
Tu sol, fuor di quesli umidi pericoli
     Salvo uscirai, come leggiero, e sferico,
     14Per conservar la specie de’ Testicoli.


L'Autore dopo il nonagesimonono Sonetto vorrebbe arrivare al centesimo.

c.

GIunto al novantanove, io pur vorrei
     Sino al cento arrivar, ma dall’oscena
     Materia, ond’hanno il tema i versi miei,
     4Si ritirò la vergine Cumena.
Tu dunque, o Febo, tu, ch’uso già sei
     L’oscenità degli altri a porre in scena,
     Tu propizio m’assisti e tu per lei
     8Gonfia la mia testicolare avena,
Spirami tu dalla Pimplea pendice,
     Per D. Ciccio esaltar, nuovo argomento,
     11Già che cotanto al mio saper non lice;
Ma Febo già m’esaudì; già sento,
     Che replicando in alto suon mi dice —
     14Egli è un C... egli è un C.... e cento.



C4 D. Cic-