Pagina:La Cicceide legittima.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

53

D. Ciccio sa strologarsi.

ciii.

INcontrato un Astrologo, il richiese
     D. Ciccio un dì de’ suoi futuri eventi,
     Ed ei, pria su la mano il guardo stese,
     4Indi proruppe in così fatti accenti: —
Signore, innumerabili contenti
     Ben ti promette in vita il Ciel cortese;
     Ma dei morir simile a quelle genti,
     8Che ree di morte i lor misfatti han rese.
Tal fin però t’han prefisso i fati
     Per pena di malvaggie operazioni,
     11Che non giungono a tanto i tuoi peccati;
Ma perchè l’alte lor costellazioni
     Condannano a restar sempre appiccati,
     14Benchè innocenti, i miseri C....


La scandescenza di D. Ciccio sul giuoco,

civ.

D. Ciccio se talor giocando perde,
     S’infuria sì, che noi terrian le corde,
     Smania, sbuffa, muggisce, i labri morde;
     4E si fa d’un color tra’l giallo, e 'l verde.
Minaccia arrabbiato, e sangui, e merde
     Spira veleno al par dell’Aspi sorde,
     E colle voci, ond’è, che’l Ciel afforde
     8N’incaca l’armonie del Monteverde.
Gente, ch’un giorno al suo gridare accorse,
     Stupì delle stravolte agitazioni,
     11E delle cause lor molto discorse.
Ma disse al fin, ch’ei n’ha mille ragioni,
     Ch’ove si tratta di votar le borse,
     14E’ l’ultima ruina de’ C...