Pagina:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

APPENDICE


GIUDIZI, ESAMI CRITICI

POLEMICHE

sulla Traduzione del Dante in Dialetto Napolitano

PER

DOMENICO JACCARINO



N.° 1.

Il primo a dare un parere sul Dante Popolare fu il sig. Ernesto Palumbo, che così scrisse al Jaccarino:

Al chiarissimo sig. Domenico Jaccarino — in Napoli.

«E giacchè noi s’è col dialetto, io pienamente persuaso di sua importanza estetica e filologica le domando: tira ella copie a parte del suo Dante Popolare? ch’io punto non lascio d’ammirare e tenere in pregio; ch’ei mi par proprio originariamente dettato in dialetto: tanto è la naturalezza con che l’à saputo tradurre. E s’è così bramerei anch’io averne copia, ecc:

ernesto palumbo
Officiale alla Biblioteca Nazionale di Napoli



1*