Pagina:La Divina Commedia Napoletano Domenico Jaccarino-Nfierno.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 30 —

lino con parole di lode, e che si ebbe dall’ex-Ministro della pubblica istruzione comm. Coppino la superiore approvazione del real Governo per lo impianto in Napoli di una scuola dantesca popolare; documenti che verranno pubblicati insieme agli altri, ed agli articoli della stampa italiana ed estera allla fine dell’opera.

Il Dante popolare si pubblica col testo italiano a fronte, sicchè il lettore può averne sott’occhio la traduzione, e con le note, confrontarla col testo originale; dette note saranno quelle di G. Biagioli. Il traduttore metterà anche le sue note in dialetto napolitano nella traduzione, e spiegherà al popolo, per quanto più gli sarà possibile, gl’inesauribili tesori che sono racchiusi nel divino poema, pubblicando altresì a piccoli brani le biografie dei nominati da Dante.

L’opera verrà pubblicata a dispense, ciascuna di due fogli di stampa e covertura, per 50 centesimi.

Dalle Provincie gli associati debbono far pervenire al signor Domenico Jaccarino, in Napoli, n. 38, Ponte di Ghiaia L. 2 per quattro dispense anticipate, e così di mano in mano, sino alla completa pubblicazione dell’opera.

Si pubblicano due dispense al mese.

Essendo molti i richiedenti per un numero di copie superiore al tiraggio in edizione popolare a prezzo tanto discreto, anticipare sollecitamente le domande di associazione al Dante Popolare con vaglia postale in lettera franca allo indirizzo accennato. Non si terrà conto delle domande di associazione che non saranno accompagnate dal relativo importo delle quattro dispense anticipate.

La Riforma si onora di mandare una parola di lode al degno e benemerito autore di un così utile e pregiato lavoro, per mezzo del quale il popolo di Napoli, senza distinzione di età e di condizione, è ammesso ad intendere e gustare le sovrane bellezze del Divino Poema.

(La Riforma delle Scuole Elementari di Torino — Anno IV. N. 22 10 Novembre 1869.)

N.° 41.

Leggesi nella Gazzetta del popolo di Torino:

Viene da Napoli il primo fascicolo di una pubblicazione meritevole di attenzione. È il Dante popolare, ossia La Di-