Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Animali mondi LEVITICO, 11. ed immondi.
l’iniquità della raunanza, per far purgamento de’ peccati di essa, nel cospetto del Signore.

18  Ecco, il sangue di esso non è stato portato dentro al Santuario; per l’innanzi adunque del tutto mangiatelo nel luogo santo, come io ho comandato.

19  E Aaronne disse a Mosè: Ecco, essi hanno oggi offerto il loro sacrificio per lo peccato, e il loro olocausto, davanti al Signore; e cotali cose mi sono avvenute; se dunque io avessi oggi mangiato del sacrificio per lo peccato, sarebbe ciò piaciuto al Signore?

20  E, quando Mosè ebbe udito questo, fu contento.

Leggi sigli animali mondi e immondi

11  POI il Signore parlò a Mosè e ad Aaronne, dicendo loro:

2  Parlate a’ figliuoli d’Israele, dicendo: Questi son gli animali, de’ quali voi potrete mangiare, d’infra tutte le bestie che son sopra la terra1:

3  D’infra le bestie a quattro piedi, voi potrete mangiar di tutte quelle bestie che hanno il piè forcuto, e l’unghia spartita in due, e che ruminano.

4  Ma, fra quelle che hanno il piè forcuto, o che ruminano, non mangiate di queste: del Cammello; conciossiachè egli rumini, ma non abbia il piè forcuto; siavi immondo;

5  Nè del Coniglio; conciossiachè egli rumini, ma non abbia il piè forcuto; siavi immondo;

6  Nè della Lepre; conciossiachè ella rumini, ma non abbia il piè forcuto; siavi immonda;

7  Nè del Porco; conciossiachè egli abbia il piè forcuto, e spartito in due, ma non rumini; siavi immondo.

8  Non mangiate della carne loro, e non toccate le lor carogne; sienvi immonde2.

9  Voi potrete mangiar di queste specie d’infra tutti gli animali acquatici, cioè: di tutti quelli che hanno pennette, e scaglie, nell’acque, così ne’ mari, come nei fiumi.

10  Ma siavi in abbominazione tutto ciò che non ha pennette, nè scaglie, così ne’ mari, come ne’ fiumi, fra tutti i rettili acquatici, e fra tutti gli animali che vivono nelle acque.

11  Sienvi adunque in abbominazione; non mangiate della carne loro, e abbiate in abbominio le lor carogne.

12  In somma, siavi cosa abbominevole ogni animale che nell’acque non ha pennette, nè scaglie.

13  E fra gli uccelli abbiate questi in abbominio; non manginsi; son cosa abbominevole: l’Aquila, il Girifalco, l’Aquila marina;

14  ogni specie di Nibbio e di Avvoltoio;

15  ogni specie di Corvo;

16  l’Ulula, la Civetta, la Folica, e ogni specie di Sparviere;

17  il Gufo, lo Smergo, e l’Alocco;

18  il Cigno, il Pellicano, la Pica;

19  la Cicogna, e ogni specie di Aghirone; l’Upupa, e il Vipistrello.

20  Siavi parimente in abbominio ogni rettile che vola, e cammina a quattro piedi.

21  Ma pur d’infra tutti i rettili che volano, e camminano a quattro piedi, voi potrete mangiar di quelli che hanno garetti disopra a’ piedi, per saltar con essi in su la terra.

22  Di tali potrete mangiar di questi; d’ogni specie di Arbe, di ogni specie di Soleam, d’ogni specie di Argol, e d’ogni specie di Agab.

23  Ma siavi in abbominio ogni altro rettile che vola, ed ha quattro piedi.

24  E per queste bestie voi vi renderete immondi; chiunque toccherà il corpo morto loro, sarà immondo infino alla sera.

25  E chiunque avrà portato del lor corpo morto lavi i suoi vestimenti, e sia immondo infino alla sera.

26  Di tutte le bestie domestiche sienvi immonde tutte quelle che hanno l’unghia fessa, ma non spartita in due, e che non ruminano; chiunque avrà toccati tali animali, sia immondo.

27  E di tutte le bestie che camminano a quattro piedi sienvi immonde tutte quelle che camminano sopra le lor branche; chiunque avrà toccato il corpo morto di tali bestie, sia immondo infino alla sera.

28  E chi avrà portato il lor corpo morto lavi i suoi vestimenti, e sia immondo infino alla sera; quelle bestie vi sono immonde.

29  E de’ rettili, che van serpendo sopra la terra, sienvi immondi questi, cioè: ogni specie di Donnola, e di Topo, e di Testuggine;

30  e il Toporagno, e il Cameleone, e la Lucertola, e la Tarantola, e la Talpa.

31  Fra tutti i rettili, sienvi questi immondi; chiunque li avrà toccati, essendo morti, sia immondo infino alla sera.

32  E qualunque cosa, sopra la quale sarà caduto alcuno di que’ rettili, essendo morto, sia immonda; qualunque vasello di legno, o vestimento, o pelle, o sacco, o qualunque altro strumento, col quale si fa alcun servigio; e però sia posto nell’acqua, e sia immondo infino alla sera; poi sia mondo.

33  E se alcun di quei rettili sarà caduto dentro alcun testo, tutto quello che vi sarà dentro sia immondo, e spezzate il testo.

  1. Deut. 14. 4-21. Fat. 10. 11-15.
  2. Mat. 15. 11, 20. Fat. 15. 29. Rom. 11. 11, 17. Col. 2. 16. Eb. 9. 10.

95