Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Riscatto delle terre LEVITICO, 25. e degli schiavi.

14  E quando tu farai qualche vendita al tuo prossimo, ovvero qualche compera, niun di voi rapisca il bene del suo fratello.

15  Compera dal tuo prossimo a ragione degli anni scorsi dopo il Giubileo; ed egli facciati la vendita a ragione degli anni della rendita.

16  Secondo che vi saranno più o meno anni, accresci o scema il prezzo di ciò che tu compererai da lui; conciossiachè egli ti venda un certo numero di rendite.

17  E niun di voi rapisca il ben del suo prossimo; anzi abbi timore dell’Iddio tuo; perciocchè io sono il Signore Iddio vostro.

18  Ed eseguite i miei statuti, e osservate le mie leggi, e mettetele in opera; e voi abiterete nel paese in sicurtà.

19  E la terra produrrà i suoi frutti, e voi ne mangerete a sazietà, e abiterete in essa in sicurtà1.

20  Che se pur dite: Che mangeremo l’anno settimo2, se non seminiamo, e non ricogliamo le nostre rendite?

21  Io comanderò alla mia benedizione che venga sopra voi l’anno sesto, e quell’anno produrrà frutto per tre anni.

22  E nell’anno ottavo voi seminerete, e mangerete del vecchio di quella ricolta, fino all’anno nono; voi mangerete del vecchio, finchè venga la ricolta di quell’anno.

Riscatto delle terre e degli schiavi.

23  OR non vendansi le terre assolutamente; conciossiachè la terra sia mia; perciocchè voi siete forestieri, e fittaiuoli appresso di me.

24  Perciò, date luogo di riscatto delle terre in tutto il paese della vostra possessione.

25  Quando il tuo fratello sarà impoverito, e avrà venduto della sua possessione; se il suo prossimo parente, il qual per consanguinità avrà la ragion del riscatto, si presenta, egli potrà riscattar ciò che il suo fratello avrà venduto3.

26  Ma, se alcuno, non avendo parente che per consanguinità abbia la ragion del riscatto, ricovera da sè stesso il modo, e trova quanto gli fa bisogno per lo suo riscatto;

27  Allora conti le annate dopo la sua vendita, e restituisca il soprappiù a colui a chi avrà fatta la vendita, e rientri nella sua possessione.

28  Ma, s’egli non trova quanto gli fa bisogno per fargli il suo pagamento, resti quello ch’egli avrà venduto in man di colui che l’avrà comperato, fino all’anno del Giubbileo; e nel Giubbileo
escane il comperatore, e rientri colui nella sua possessione.

29  E quando alcuno avrà venduta una casa da abitare, in città murata, siavi podestà di riscatto fino all’anno compiuto dopo la sua vendita; sia il termine del suo riscatto un anno intiero.

30  Ma se non è ricomperata infra il compiersi di un anno intiero, quella casa che è in città murata resterà assolutamente in proprio a colui che l’avrà comperata, e a’ suoi d’età in età; egli non sarà obbligato di uscirne nel Giubbileo.

31  Ma le case delle ville, non intorniate di mura, sieno reputate come possessioni di terra; siavi ragion di riscatto per esse, ed escane il comperatore nel Giubbileo.

32  Ma, quant’è alle città de’ Leviti, abbiano i Leviti in perpetuo ragion di ricompera in su le case delle città della lor possessione.

33  E colui de’ Leviti, che ricompererà alcuna casa, esca fuori della casa venduta, e della città della possession del venditore, nel Giubbileo; perciocchè le case delle città de’ Leviti sono la lor possessione nel mezzo de’ figliuoli d’Israele.

34  Ma non vendansi i campi de’ contorni delle lor città; perciocchè sono loro una possessione perpetua.

35  E quando il tuo fratello sarà impoverito, e le sue facoltà saranno scadute appresso di te, porgigli la mano4; forestiere o avveniticcio che egli si sia; acciocchè possa vivere appresso di te.

36  Non prender da lui usura nè profitto; e abbi timore dell’Iddio tuo, e fa’ che il tuo fratello possa vivere appresso di te.

37  Non dargli i tuoi danari ad usura, nè la tua vittuaglia a profitto.

38  Io sono il Signore Iddio vostro, che vi ho tratti fuor del paese di Egitto, per darvi il paese di Canaan, per essere vostro Iddio.

39  E quando il tuo fratello sarà impoverito appresso di te, e si sarà venduto a te, non adoperarlo in servitù da schiavo.

40  Stia appresso di te a guisa di mercenario o di avveniticcio; serva appresso di te fino all’anno del Giubbileo.

41  E allora egli si partirà d’appresso a te, insieme co’ suoi figliuoli, e se ne ritornerà alla sua famiglia; e rientrerà nella possessione de’ suoi padri.

42  Perciocchè essi sono miei servitori, avendoli io tratti fuor del paese di Egitto5; e però non sieno venduti nella maniera degli schiavi.

43  Non signoreggiarlo con asprezza6; anzi abbi timore dell’Iddio tuo.

44  Ma, quant’è al tuo servo, e alla tua serva, che hanno ad esser tuoi in proprio,
  1. Ger. 23. 6.
  2. Mat. 6. 25-31.
  3. Ru. 2. 20; 4. 1-11.
  4. Sal. 41. 1. Prov. 14. 31. 1 Giov. 3. 17.
  5. Rom. 6. 22. 1 Cor. 7. 23.
  6. Ef. 6. 9.

111