Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
nel deserto. NUMERI, 15. Regole pei sacrijicii.

22  Niuno di quegli uomini che hanno veduta la mia gloria, e i miei miracoli che io ho fatti in Egitto, e nel deserto, e pur m’hanno tentato già dieci volte, e non hanno ubbidito alla mia voce;

23  Non vedrà il paese, il quale ho giurato a’ lor padri; niuno di quelli che m’hanno dispettato non lo vedrà.

24  Ma, quant’è a Caleb, mio servitore, perchè in lui è stato un altro spirito, e m’ha seguitato appieno, io l’introdurrò nel paese nel quale egli è andato, e la sua progenie lo possederà1.

25  Or gli Amalechiti e i Cananei abitano nella Valle, e però domani voltate faccia, e camminate verso il deserto, traendo verso il mar rosso.

26  Il Signore parlò ancora a Mosè e ad Aaronne, dicendo:

27  Infino a quando sofferirò io questa malvagia raunanza2, che mormora contro a me? io ho uditi i mormorii de’ figliuoli d’Israele, co’ quali mormorano contro a me.

28  Di’ loro: Come io vivo, dice il Signore, io vi farò come voi avete parlato a’ miei orecchi.

29  I vostri corpi caderanno morti in questo deserto; e quant’è a tutti gli annoverati d’infra voi, secondo tutto il vostro numero, dall’età di vent’anni in su, che avete mormorato contro a me;

30  Se voi entrate nel paese del quale io alzai la mano che io vi ci stanzierei; salvo Caleb, figliuolo di Gefunne; e Giosuè, figliuolo di Nun.

31  Ma io ci farò entrare i vostri piccoli fanciulli, de’ quali voi avete detto che sarebbero in preda; ed essi conosceranno che cosa è il paese, il quale voi avete sdegnato.

32  Ma di voi i corpi caderanno morti in questo deserto3.

33  E i vostri figliuoli andranno pasturando nel deserto, per quarant’anni, e porteranno la pena delle vostre fornicazioni, finchè i vostri corpi morti sieno consumati nel deserto.

34  Voi porterete la pena delle vostre iniquità per quarant’anni, secondo il numero de’ quaranta giorni che siete stati in ispiare il paese, un anno per un giorno; e voi conoscerete come io rompo le mie promesse.

35  Io il Signore ho parlato4. Se io non fo questo a tutta questa malvagia raunanza, che si è convenuta contro a me; essi verranno meno in questo deserto, e vi morranno.

36  E quegli uomini che Mosè avea mandati per ispiare il paese, i quali, essendo tornati, aveano fatta mormorar tutta la raunanza contro a lui, infamando quel paese;

37  Quegli uomini, dico, che aveano
sparso un cattivo grido di quel paese, morirono di piaga, davanti al Signore.

38  Ma Giosuè, figliuolo di Nun, e Caleb, figliuolo di Gefunne, restarono in vita, d’infra quelli ch’erano andati per ispiare il paese.

39  Or Mosè riferì quelle parole a tutti i figliuoli d’Israele; e il popolo ne fece un gran cordoglio.

40  E la mattina seguente si levarono, e salirono alla sommità del monte, dicendo: Eccoci; noi saliremo al luogo che il Signore ha detto; perciocchè noi abbiamo peccato.

41  Ma Mosè disse: Perchè trapassate il comandamento del Signore? ciò non prospererà.

42  Non salite; conciossiachè il Signore non sia nel mezzo di voi; che talora, se vi affrontate co’ vostri nemici, non siate sconfitti.

43  Perchè colà davanti a voi son gli Amalechiti, e i Cananei, e voi sarete morti per la spada; perciocchè voi vi siete rivolti di dietro al Signore; ed egli non sarà con voi.

44  Nondimeno essi si attentarono temerariamente di salire alla sommità del monte; ma l’Arca del Patto del Signore, e Mosè non si mossero di mezzo al campo.

45  E gli Amalechiti, e i Cananei, che abitavano in quel monte, scesero giù, e li percossero, e li ruppero, perseguendoli fino in Horma.

Regole relative ai sacrificii.

15  POI il Signore parlò a Mosè, dicendo:

2  Parla a’ figliuoli d’Israele, e di’ loro: Quando voi sarete entrati nel paese, dove avete ad abitare, il quale io vi do;

3  E farete alcun sacrificio da ardere al Signore, come olocausto, o altro sacrificio, per singolar voto, o per ispontanea volontà, o nelle vostre feste solenni, per offerir soave odore, del grosso o del minuto bestiame, al Signore;

4  Offerisca colui che farà la sua offerta al Signore, un’offerta di panatica della decima parte d’un Efa di fior di farina, stemperata con la quarta parte d’un Hin d’olio;

5  E la quarta parte di un Hin di vino, per offerta da spandere. Questo offerirai per ciascuno olocausto, o altro sacrificio che sia d’un agnello.

6  E se fai offerta di panatica per un montone, offeriscila di due decimi di fior di farina, stemperata col terzo d’un Hin d’olio.

7  E per offerta da spandere, offerisci il terzo d’un Hin di vino, in odor soave al Signore.

  1. Gios. 14. 6-9, 14.
  2. Mat. 17. 17.
  3. Num. 26. 64, 65. Eb. 3. 17.
  4. Num. 23. 19.

131 5―2