Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La figliuola di Iefte. GIUDICI, . Ibsan, Elon, e Abdon giudici.

28  Ma il re de’ figliuoli di Ammon non attese alle parole, che Iefte gli avea mandato a dire.

29  E lo Spirito del Signore fu sopra Iefte, ed egli traversò Galaad e Manasse, e passò in Mispe di Galaad, e di Mispe di Galaad passò a’ figliuoli di Ammon.

30  E Iefte votò un voto al Signore, e disse: Se pur tu mi dài i figliuoli di Ammon nelle mani;

31  Quando io ritornerò in pace da’ figliuoli di Ammon, ciò che uscirà dell’uscio di casa mia sarà del Signore, e io l’offerirò in olocausto1.

32  Iefte adunque passò a’ figliuoli di Ammon, per combatter con loro; e il Signore li diede nelle mani di esso.

33  Ed egli li percosse d’una grandissima sconfitta, da Aroer fino a Minnit, venti città; e fino alla pianura delle vigne. E così i figliuoli di Ammon furono abbassati dinanzi ai figliuoli d’Israele.

34  Ora, come Iefte ritornava a casa sua in Mispe, ecco, la sua figliuola gli uscì incontro con tamburi, e con flauti; or ella era unica e sola, ed egli non avea altri proceduto da lui, nè figliuolo, nè figliuola.

35  E, come egli la vide, stracciò i suoi vestimenti, e disse: Ahi! figliuola mia; tu mi hai affatto abbattuto, e sei di quelli che mi conturbano; conciossiachè io abbia aperta la mia bocca al Signore, e non possa ritrarmene2.

36  Ed ella gli disse: Padre mio, se pur tu hai aperta la bocca al Signore, fammi come t’è uscito di bocca3; poichè il Signore ha fatte le tue vendette sopra i figliuoli di Ammon, tuoi nemici.

37  Poi disse a suo padre: Facciamisi questo: Lasciami per due mesi, acciocchè io vada su e giù per li monti, e pianga la mia verginità, con le mie compagne.

38  Ed egli le disse: Va’. Così la lasciò andare per due mesi. Ed ella andò con le sue compagne, e pianse la sua verginità su per li monti.

39  E, al termine di due mesi, ella ritornò a suo padre, ed egli le fece secondo il voto ch’egli avea votato. Or ella non avea conosciuto uomo. E di qui nacque l’usanza in Israele,

40  Che le figliuole d’Israele andavano ogni anno a far lamento della figliuola di Iefte Galaadita, quattro giorni dell’anno.


Iefte sconfigge gli Efraimiti.

12  OR gli Efraimiti, adunatisi a grida, passarono verso il Settentrione, e dissero a Iefte: Perchè sei tu passato per combattere contro a’ figliuoli di Ammon, e non ci hai chiamati per andar teco4? noi bruceremo col fuoco la tua casa, e te insieme.

2  E Iefte disse loro: Il mio popolo ed io abbiamo avuta gran contesa co’ figliuoli di Ammon; ed io v’ho chiamati, ma voi non mi avete liberato dalle lor mani.

3  Laonde, veggendo che voi non mi liberavate, io ho messa la mia vita nella palma della mia mano, e son passato agli Ammoniti; e il Signore me li ha dati nelle mani; perchè dunque siete voi oggi saliti a me, per farmi guerra?

4  E Iefte adunò tutti i Galaaditi, e combattè contro ad Efraim; e i Galaaditi percossero Efraim; perciocchè dicevano: Voi siete degli scampati di Efraim; Galaad è in mezzo di Efraim e di Manasse.

5  E i Galaaditi occuparono i passi del Giordano a que’ di Efraim; e quando alcuno di que’ di Efraim che scampavano diceva: Lascia ch’io passi, i Galaaditi gli dicevano: Sei tu di Efraim? E s’egli diceva: No,

I Galaaditi gli dicevano: Deh! di’ Scibbolet5; ma egli diceva: Sibbolet; e non accertava a profferir dirittamente. Ed essi lo prendevano, e lo scannavano a’ passi del Giordano. Così in quel tempo caddero morti di Efraim quarantaduemila uomini.

7  E Iefte Galaadita giudicò Israele sei anni; poi morì, e fu seppellito nella città di Galaad.

Ibsan, Elon e Abdon giudici.

8  E, DOPO lui, Ibsan, da Bet-lehem, giudicò Israele.

9  Ed ebbe trenta figliuoli, e mandò fuori trenta figliuole a marito, e menò trenta fanciulle di fuori a’ suoi figliuoli per mogli; e giudicò Israele sett’anni.

10  Poi Ibsan morì, e fu seppellito in Bet-lehem.

11  E, dopo lui, Elon Zabulonita fu Giudice d’Israele; e giudicò Israele dieci anni.

12  Poi Elon Zabulonita morì, e fu seppellito in Aialon, nel paese di Zabulon.

13  E, dopo lui, Abdon, figliuolo di Hillel, Piratonita, giudicò Israele.

14  Ed ebbe quaranta figliuoli, e trenta figliuoli di figliuoli, i quali cavalcavano settant’asinelli; e giudicò Israele ott’anni.

15  Poi Abdon, figliuolo di Hillel, Piratonita, morì, e fu seppellito in Piraton, nel paese di Efraim, nel monte degli Amalechiti.


Israele oppresso dai Filistei.―Nascita di Sansone.

13  POI i figliuoli d’Israele seguitarono a far ciò che dispiace al Signore6; laonde il Signore li diede nelle mani de’ Filistei per quarant’anni.

2  Or v’era un uomo da Sorea, della nazione di Dan, chiamato Manoa, la cui

  1. Eccl. 5. 2. i
  2. Lev. 27. 2, ecc.
  3. Es. 20. 12.
  4. Giud. 8. 1.
  5. cioè: Fiume.
  6. Giud. 10. 6. e rif.

223