Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/566

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il gran giorno del Signore. ISAIA, 3. Castigo di Gerusalemme.
5 O casa di Giacobbe, venite, e camminiamo nella luce del Signore1.

6 Perciocchè tu, Signore, hai abbandonato il tuo popolo, la casa di Giacobbe; perchè son pieni d’Oriente, e son pronosticatori come i Filistei, e hanno applauso a’ figliuoli de’ forestieri2.

7 E il lor paese si è riempiuto d’argento e d’oro, talchè hanno tesori senza fine; il lor paese si è eziandío riempiuto di cavalli, e hanno carri senza fine;

8 Oltre a ciò, il lor paese si è riempiuto d’idoli; hanno adorata l’opera delle lor mani, ciò che le lor dita hanno fatto.

9 E la gente vile si è inchinata, e parimente gli uomini onorati si son bassati; perciò non perdonerai loro.

10 Entra nella roccia, e nasconditi nella polvere, per lo spavento del Signore, e per la gloria della sua altezza.

11 Gli occhi altieri dell’uomo saranno abbassati, e l’altezza degli uomini sarà depressa3; e il Signore solo sarà esaltato in quel giorno4.

12 Perciocchè vi è un giorno del Signor degli eserciti contro a ogni superbo ed altiero; e contro a chiunque s’innalza; ed egli sarà abbassato;

13 E contro a tutti i cedri alti ed elevati del Libano, e contro a tutte le querce di Basan;

14 E contro a tutti gli alti monti, e contro a tutti i colli elevati;

15 E contro a ogni torre eccelsa, e contro a ogni muro forte;

16 E contro a tutte le navi di Tarsis, e contro a tutti i be’ disegni.

17 E l’altezza degli uomini sarà depressa, e la sublimità degli uomini sarà abbassata; e il Signore solo sarà esaltato in quel giorno.

18 Ed egli sterminerà del tutto gl’idoli.

19 E gli uomini entreranno nelle spelonche delle rocce, e nelle grotte della terra, per lo spavento del Signore5, e per la gloria della sua altezza, quando egli si leverà per fiaccar la terra6.

20 In quel giorno l’uomo gitterà alle talpe, ed a’ vipistrelli, gl’idoli del suo argento, e gl’idoli del suo oro, i quali altri gli avrà fatti, per adorarli;

21 Entrando nelle buche delle rocce, e delle caverne de’ sassi, per lo spavento del Signore, e per la gloria della sua altezza, quando egli si leverà per fiaccar la terra.

22 Rimanetevi di fidarvi nell’uomo il cui alito è nelle nari; perciocchè, di quanto pregio e valore è egli7?

3  PERCIOCCHÈ, ecco, il Signore, il Signor degli eserciti, toglie via di Gerusalemme e di Giuda ogni sostegno ed
appoggio; ogni sostegno di pane, ed ogni sostegno di acqua8;

2 Il forte e il guerriere; il giudice e il profeta; e l’indovino e l’anziano;

3 Il capitano di cinquantina, e l’uomo d’autorità, e il consigliere, e l’artefice industrioso, e l’uomo intendente nelle parole segrete9.

4 E io farò, che de’ giovanetti saranno lor principi, e che de’ fanciulli li signoreggeranno10.

5 E il popolo sarà oppressato l’uno dall’altro, e ciascuno dal suo prossimo; il fanciullo superbirà contro al vecchio, e il vile contro all’onorevole.

6 Se alcuno prende un suo fratello, della casa di suo padre, dicendo: Tu hai una veste, sii nostro principe, e sia questa ruina sotto alla tua mano;

7 Egli giurerà in quel giorno, dicendo: Io non sarò signore; e in casa mia non vi è nè pane, nè vestimento; non mi costituite principe del popolo.

8 Perciocchè Gerusalemme è traboccata, e Giuda è caduto; perchè la lingua e le opere loro son contro al Signore, per provocare ad ira gli occhi della sua gloria.

9 Ciò che si riconosce loro nella faccia testifica contro a loro; ed essi pubblicano il lor peccato come Sodoma, e non lo celano. Guai alle anime loro! perciocchè fanno male a sè stessi.

10 Dite al giusto, che gli avverrà bene; perciocchè i giusti mangeranno il frutto delle loro opere11.

11 Guai all’empio! male gli avverrà; perciocchè gli sarà fatta la retribuzione delle sue mani.

12 Gli oppressatori del mio popolo sono fanciulli, e donne lo signoreggiano. Popol mio, quelli che ti predicano beato ti fanno traviare, e fanno andare in perdizione la via de’ tuoi sentieri.

13 Il Signore comparisce, per contendere; e si presenta, per giudicare i popoli.

14 Il Signore verrà in giudicio contro agli anziani del suo popolo, e contro a’ principi di esso; voi siete pur quelli che avete guasta la vigna; la preda del povero è nelle vostre case.

15 Perchè tritate il mio popolo, e pestate le facce de’ poveri? dice il Signore, il Signor degli eserciti.

16 Oltre a ciò, il Signore ha detto: Perciocchè le figliuole di Sion si sono innalzate, e son camminate a gola stesa, ed ammiccando con gli occhi; e son camminate carolando, e hanno fatto tintinno co’ lor piedi;

17 Il Signore pelerà la sommità del capo delle figliuole di Sion, e il Signore scoprirà le lor vergogne.

18 In quel giorno il Signore torrà via

  1. Ef. 5. 8.
  2. Sal. 106. 34, 35.
  3. Is. 5. 15, 16; 13. 11.
  4. Ger. 30. 7, 8.
  5. Luc. 23. 30. Apoc. 6. 16.
  6. Eb. 12. 26.
  7. Sal. 146. 3.
  8. Lev. 26. 26.
  9. 2 Re. 24. 14. ecc.
  10. Eccl. 10. 16.
  11. Eccl. 8. 12. ecc.

558