Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/715

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ed interpretato DANIELE, 3 da Daniele.

nome era Beltsasar: Mi puoi tu dichiarare il sogno, che io ho veduto, e la sua interpretazione?

Daniele rispose davanti al re, e disse:

n seereto che il re domanda, ne savi, ne astrologi, n6 magi, ne indovini, non possono dichiararlo al re;

Ma vi e un Dio in cielo, che rivela

i segreti, e ha fatto assapere al re Nebucadnesar quelle che deve awenire nella iine de’ tempi. II tuo sogno, e le visioni del tuo capo, in sul tuo letto, erano queste:

O re, de’ pensieri ti son saliti sopra

il tuo letto, che cosa avverrebbe da que^ sto tempo innanzi; e colui che rivela i segreti ti ha fatto assapere ci5 che deve awenire.

Ora, quant’e a me, questo segreto

mi e stato rivelato, non per sapienza, che sia in me sopra tutti i viventi; ma acciocche F interpretazione ne sia dichiarata al re, e che tu intenda i pensieri del cuor tuo.

Tu, o re, riguardavi, ed ecco una

grande statua. Questa statua grande, e il cui splendore era eccellente, era in pie dirincontro a te; e il suo aspetto era spaventevole.

II capo di questa statua era d’oro

fino; il suo petto, e le sue braccia, d’argento; il suo ventre, e le sue cosce, di rame; ^ 33 Le sue gambe, di ferro; e i suoi piedi, in parte di ferro, in parte di argilla.

Tu stavi riguardando, hnche fu tagliata

una pietra, senza opera di mani, la qual percosse la statua in su i piedi, ch’erano di ferro, e d’argilla; e li trit6.

Allora furono insieme tritati il ferro,

r argilla, il rame, l’argento, e V oro, e divennero come la pula delle aie di state, e il vento li porto via, e non si trov6 luogo alcuno per loro; e la pietra che avea percossa la statua divenne un gran monte, ed empie tutta la terra. t) CJuest’e il sogno; ora ne diremo r interpretazione davanti al re.

Tu, o re, sei il re del re; conciossiache

l’Iddio del cielo ti abbia dato regno, potenza, e forza, e gloria’*.

E dovunque dimorano i figliuoli degli

uomini, le bestie della campagna, e gli uccelli del cielo, egli te li lia dati in mano, e ti ha fatto signore sopra essi tutti. Tu sei quel capo d’oro.

E dopo te sorgera un altro regno,

più basso del tuo; e poi anche un terzo regno, cA’ e quel del rame, il quale signoreggera sopra tutta la terra.

Poi vi sara un quarto regno, duro

come ferro; conciossiache il ferro triti, e fiacchi ogni cosa: e come il ferro trita tutte quelle cose, guello tritera, e romperk tutto.

E quant’e a cib che tu hai veduti

i piedi, e le lor dita, in parte d’argilla di vasellaio, e in parte di ferro, cid significa che il regno sara diviso; ed anche che vi sara in esso della durezza del ferro; conciossiache tu abbi veduto il ferro mescolato con r argilla di vasellaio.

E quant’e a ci5 che le dita de’ piedi

erano in parte di ferro, e in parte d’argilla, cio significa che il regno in parte sark duro, in parte sara frale.

E quant’e a ci6 che tu hai veduto

il ferro mescolato con l’argilla di vasellaio, cio significa che coloro si mescoleranno per seme umano, ma non potranno unirsi F un con F altro; siccome il ferro non pu6 mescolarsi con F argilla.

E a’ di di questo re, F Iddio del cielo

fara sorgere un regno, il quale giammai in eterno non sara distrutto; e quel regno non sara lasciato ad un altro popolo; esso triterk, e consumera tutti que’ regni; ma esso durera in eterno ^.

Conciossiache tu abbi veduto che dal

monte h stata tagliata una pietra, senza opera di mani, la quale ha tritato il ferro, il rame, F argilla, F argento, e F oro. II grande Iddio ha fatto assapere al re ciu che avverrk da questo tempo innanzi; e il sogno e verace, e la sua interpretazione e fedele.

Allora il re Nebucadnesar cadde sopra

la sua faccia, e a(lor6 Daniele; e coniand6 che gli si ofi’erissero oflerte, e prof u mi.

£ il re fece motto a Daniele, e gli

disse: Di vero il vostro Dio e F Iddio degF iddii, e il Signore del re, e il Rivelatore de’ segreti; poichè tu hai potuto rivelar questo segreto.

Allora il re aggrandi Daniele, e gli

don 6 molti gran presenti, e lo costitui rettore sopra tutta la provincia di Babilonia, e capo de’ magistrati, sopra tutti i savi di Babilonia.

E alia richiesta di Daniele, il re costitui

sopra gli atfari della provincia di Babilonia, Sadrac, Mesac, e Abed-nego; ma Daniele stava alia porta del re. La statua d’oro— I compagni di Daniele nella fornace ardente. O IL re Nebucadnesar fece una statua ^ d’oro, d’altezza di sessanta cubiti, e di larghezza di sei cubiti; e la rizzo nella pianura di Dura, nella provincia di Babilonia.

E il re Nebucadnesar mand6 a radunare

i satrapi, i magistrati, e i duchi, i giudici, i tesorieri, i senatori, i presidenti, e tutti i rettori delle provincie, per venire alia dedicazione della statua, che il re Nebucadnesar avea rizzata.

Allora furono radunati i satrapi, i ma’

Ger. 27. 5-9; 28. 14. i Dan. 4. 3, 34; 6. 26; 7. 14, 27. Mic. 4. 7. Luc. 1. 33.

Cor. 15. 24, 25.

23-2