Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/799

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


destra; e, inginocchiatiglisi davanti, lo beffavano, dicendo: Ben ti sia, o Re de’ Giudei.

30 

Poi, sputatogli addosso, presero la canna, e gliene percotevano il capo. 

31  E, dopo che l’ebbero schernito, lo spogliarono di quel saio, e lo rivestirono de’ suoi vestimenti; poi lo menarono a crocifiggere.

32  ORA, uscendo, trovarono un Cireneo, chiamato per nome Simone, il quale angariarono a portar la croce di Gesù.

33  E, venuti nel luogo detto Golgota, che vuol dire: Il luogo del teschio;

34  gli diedero a bere dell’aceto mescolato con fiele; ma egli avendolo gustato, non volle berne.

35  Poi, avendolo crocifisso, spartirono i suoi vestimenti, tirando la sorte; acciocchè fosse adempiuto ciò che fu detto dal profeta: Hanno spartiti fra loro i miei vestimenti, ed hanno tratta la sorte sopra la mia veste.

36  E, postisi a sedere, lo guardavano quivi.

37  Gli posero ancora, di sopra al capo, il maleficio che gli era apposto, scritto in questa maniera: COSTUI È GESÙ, IL RE DE’ GIUDEI.

38  Allora furono crocifissi con lui due ladroni: l’uno a destra, l’altro a sinistra.

39  E coloro che passavano ivi presso, l’ingiuriavano, scotendo il capo; e dicendo:

40  Tu che disfai il tempio, e in tre giorni lo riedifichi, salva te stesso; se sei Figliuolo di Dio, scendi giù di croce.

41  Simigliantemente ancora i principali sacerdoti, con gli Scribi, e gli anziani, e Farisei, facendosi beffe, dicevano:

42  Egli ha salvati gli altri, e non può salvare sè stesso; se egli è il re d’Israele, scenda ora giù di croce, e noi crederemo in lui.

43  Egli si è confidato in Dio; liberilo ora, se pur lo gradisce; poichè egli ha detto: Io son Figliuolo di Dio.

44  Lo stesso gli rimproveravano ancora i ladroni, ch’erano stati crocifissi con lui.

45  Ora, dalle sei ore si fecero tenebre sopra tutta la terra, insino alle nove.

46  E intorno alle nove, Gesù gridò con gran voce, dicendo: Eli, Eli, lamma sabactani? cioè: Dio mio, Dio mio, perchè mi hai lasciato?

47  Ed alcuni di coloro ch’erano ivi presenti, udito ciò, dicevano: Costui chiama Elia.

48  E in quello stante un di loro corse, e prese una spugna, e l’empiè d’aceto; e messala intorno ad una canna, gli diè da bere.

49  E gli altri dicevano: Lascia, vediamo se Elia verrà a salvarlo.

50  E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rendè lo spirito.

51  Ed ecco, la cortina del tempio si fendè in due, da cima a fondo; e la terra tremò, e le pietre si schiantarono;

52  e i monumenti furono aperti e molti corpi de’ santi, che dormivano, risuscitarono.

53  E quelli, essendo usciti de’ monumenti dopo la risurrezion di Gesù, entrarono nella santa città, ed apparvero a molti.

54  Ora il centurione, e coloro ch’erano con lui, guardando Gesù, veduto il tremoto, e le cose avvenute, temettero grandemente, dicendo: Veramente costui era Figliuol di Dio.

55  Or quivi erano molte donne, riguardando da lontano, le quali aveano seguitato Gesù da Galilea, ministrandogli;

56  fra le quali era Maria Maddalena, e Maria madre di Giacomo e di Iose; e la madre de’ figliuoli di Zebedeo.

57  POI, in su la sera, venne un uomo ricco di Arimatea, chiamato per nome Giuseppe, il quale era stato anch’egli discepolo di Gesù.

58  Costui venne a Pilato, e chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato comandò che il corpo gli fosse reso.

59  E Giuseppe, preso il corpo, lo involse in un lenzuolo netto.

60  E lo pose nel suo monumento nuovo, il quale egli avea fatto tagliar nella roccia; ed avendo rotolato una gran pietra in su l’apertura del monumento, se ne andò.

61  Or Maria Maddalena, e l’altra Maria, erano quivi, sedendo di rincontro al sepolcro.

62  E il giorno seguente, ch’era il giorno d’appresso la preparazione, i principali sacerdoti, e i Farisei si raunarono appresso di Pilato,

63  dicendo: Signore, ei ci ricorda che quel seduttore, mentre viveva ancora, disse: Io risusciterò infra tre giorni.

64  Ordina adunque che il sepolcro sia sicuramente guardato, fino al terzo giorno; che talora i suoi discepoli non vengano di notte, e nol rubino, e dicano al popolo: Egli è risuscitato dai morti; onde l’ultimo inganno sia peggiore del primiero.

65  Ma Pilato disse loro: Voi avete la guardia;

La crocijissione.

(Mar. 15. 21-41. Luc. 2:1 26-49.

19. 17-37.)

(Mar, 15. 42-47. Luc. 2;}. 50-38. [[Pagina:La Sacra Bibbia (Diodati 1885).djvu/877#capitolo

19versetto38|Giov.

19. 38]]-42.)

« l8. 53. 3. fr Is. 50. 6. Mat. 26. 67. Eb. 13. 11, 12. SaL 69. 21.

/ Is. 53. 12. Sal. 22. 7- > Mat. 26. 61, e rif. < Sal. 22. 8. i Am. 8. 9.

•• Es. 26. 31, ecc. Luc. 8. 2, 3. Is. 53. 9. ? Mar. 8. 31. Giov. 2. 19.

Sal. 22. 18.

Sal. 22. 1.