Pagina:La Valle Seriana.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 29 —


rato; Giuseppe Cabrini dottore in Sacra Teologia e benemerito Rettore de’ Seminarii di Bergamo e Brescia, autore di molte erudite composizioni.

Bartolomeo de’ Signori, valoroso capitano dell’imperatore Ferdinando: fra le militari sue imprese quella di Ratisbona è memorabile ascrivendosi massimamente al suo valore la ricuperazione di quella città. Morì in Nordlinghen nel 1634.

G. B. Moroni (pittore più volte citato) nato a Bondo. Morto nel 1578.

La nobile famiglia de’ Conti Spini la quale vi ha pure due belle villeggiature.

Memorie storiche. — Pare molto antica la sua fondazione. Ecco infatti l’antica lapide che fu trovata in occasione d’una escavazione (ora si conserva nel museo di città).


P. FVRIVS P. L.
HILARVS VIVIR
VIVUS SIBI FECIT
ET FURIAE P. L.
ALCAE

Il nostro Zanchi, nel suo libro De origine Orobiorum, pagina 69, vorrebbe che questo luogo fosse fabbricato dal romano cittadino Albo o da Sp. Albino o da Albo Albino.

Nel 1428 si diede volontariamente al dominio veneto con tutto il territorio della Valle.

APPENDICE. — Per una strada comunale abbastanza buona, per scorciatoie e viottole tutte vaghe e amene, tra piacevoli sinuosità si va alle due, relativamente importanti, frazioni di Fiobbio e Casale — i cui principali prodotti sono pomi, pere e castagne, — prodotti assai stimati sui nostri mercati.


PRADALUNGA.


Alla destra di chi, come noi, partendo da Bergamo, va contro il corso del Serio, al piede di una delle falde occidentali adiacenti al Misma, quasi di prospetto ad Albino, trovasi