Pagina:La Valle Seriana.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 32 —


opere di difesa che abbiamo accennato. Nell’anno 1193 i suoi discendenti stipularono col Comune di Bergamo la ricognizione della loro colonia e la determinazione dei loro confini e da ambe le parti fu riconosciuto che Selvino col suo territorio sarebbe considerato come parte integrale della città di Bergamo; in conseguenza di che, anche gli abitanti godrebbero di tutti i diritti e privilegi come fossero cittadini bergamaschi. Ai fondi fu conservata l’antica loro natura; si continuò a pagare al Vescovo il suo censo ed a ricevere a pascolo i cavalli del Comune di Bergamo. Questa singolare costituzione comunale si conservò sino nel 1796.

(A. Amati, Dizionario Orog. dell’Italia, Vol. vii, pag. 470-471 e Maironi Da-Ponte, Dizionario odep. della Provincia di Bergamo, Vol. iii, pag. 91-92-93).


Curiosità geologiche. — Il monte su cui poggia Selvino è spianato singolarmente a diversi avvallamenti dei quali se ne contano intorno a quaranta, tutti di una considerevole ampiezza. Queste cavità hanno foggia di catino, sono profonde e quasi tutte coi margini rivestiti da prati verdeggianti. Alcune hanno nel centro una voragine o pozzo naturale che raccetta le acque; altre sono appianate. Di quelle voragini ve ne hanno di profondissime, rivestite al di dentro da scogli ed una o due inondate di acqua nel fondo. Essendo pericolose ai non pratici del paese, vennero barricate all’intorno o coperchiate con lastroni. Per molti indizi si crede che esistesse in questi dintorni un vulcano. Sono notabili poi due antri scavati naturalmente nel vivo masso. Il primo, capace di molte centinaia di persone, sta sulla strada che conduce ad Albino, l’altro detto Buco della Comare è presso la valletta della Scabla, non lungi dalla prima caverna. Quest’antro sembra men vasto, ma si interna ancor più nell’asse della Montagna. L’ingresso è triangolare; alcuni metri più innanzi avvi una porta, poi si salgono due o tre gradini, indi presentasi una spelonca che ha circa 80 (ottanta) metri di diametro tutta ricoperta di stalattiti e di stalagmiti, con molte altre