Pagina:La favorita del Mahdi.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288

— Sì, Omar.

— Siamo adunque vendicati. Fratello e sorella sono entrambi spenti.

— Taci, fuggiamo di qui. Questo luogo mi fa paura.

— Dove andiamo?

— A salvare il mio fidanzato.

— Vuoi recarti sulle rive del lago?

— Zitto, disse Fathma. Odi?

Il negro tese l’orecchio. In lontananza, verso il campo egiziano, s’udivano squillare le trombe e rullare fragorosamente i tamburi.

— Che succede? chiese egli. Una battaglia forse?

— No, è l’esercito egiziano che marcia sulla capitale del Mahdi.

— E noi andiamo?

— A El-Obeid.

L’almea si gettò ad armacollo il remington e discese di corsa la collina seguita dal negro. Ella si arrestò alcuni istanti nella pianura cogli occhi fissi su due punti neri che scendevano dal cielo, ingrandendo a vista d’occhio,

— Guarda, Omar, diss’ella rabbrividendo.

— Vedo, rispose il negro. Sono aquile che calano nel burrone.

— Povera Elenka! Questa sera non rimarranno di lei che le spolpate ossa a pasto delle belve feroci.

Soffocò un sospiro e riprese la corsa internandosi nel palmeto. Man mano che si avanzavano gli squilli di tromba e il rulla dei tamburi diventavano più sonori. Talvolta s’udivano nitriti di cavalli, voci confuse di uomini e muggiti di buoi, che il vento portava.

Cominciava ad albeggiare quando essi giungevano agli avamposti. Il campo era in piena rivoluzione ed interamente mutato. Le tende erano state levate, i fasci di fucili sciolti, i cannoni attaccati ai cavalli, i cammelli e i muli aggruppati alla rinfusa e carichi di viveri, munizioni e bagagli.