Pagina:La favorita del Mahdi.djvu/318

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
316

Il Mahdi battè tre volte le mani. Un iman entrò quasi subito portando un sacco legato.

— Sai cosa contiene questo sacco? chiese Ahmed all’arabo.

— No.

Ahmed aprì il sacco e tirò fuori una testa umana bruttata di sangue, priva degli occhi e seccata dall’ardente sole equatoriale.

Egli la mostrò ad Abd-el-Kerim che indietreggiò inorridito.

— La conosci questa testa? chiese Ahmed con accento feroce.

— No, balbettò l’arabo.

— È la testa di Hicks pascià1. Io ho distrutto nella foresta di Kasghill tutto l’esercito egiziano, mi capisci, arabo rinnegato, e ben pochi sono sfuggiti alla catastrofe e nessuno portò la terribile novella a Chartum. Io, l’inviato d’Allàh, Mohammed Ahmed, ho fulminato tutti i nemici che con incredibile audacia marciavano sulla città santa. Tutti andranno all’inferno: è la punizione di coloro che rimangono sordi alla voce del Signore.

— Ah! quanto sei terribile! mormorò Abd-el-Kerim che tremava ancora per l’emozione.

— È giustizia, rispose Ahmed ricollocando la testa nel sacco.

Poi volgendosi verso l’iman inginocchiato:

— Abù-Mogara, gli disse. Farai collocare tutte le teste dei visi bianchi sulle porte di El-Obeid, onde tutta la popolazione possa vederle.

L’iman uscì coll’orribile sacco sulle spalle. Nella capanna regnò per parecchi minuti un lugubre silenzio, poi il Mahdi, accennando all’arabo un angareb, gli disse:

— Siedi e narrami cosa si dice di me a Chartum.

  1. L’illustre missionario D. Luigi Bonomi mi assicurò che quella testa non apparteneva a Hicks pascià, ma al barone di Cettendorge, capitano di Stato Maggiore.