Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
324 la guerra [1285]

i nobili e le città d’Aragona, che guardino lor confini; ingiunge lo stesso in Catalogna alle città e a’ cavalieri del Tempio e di san Giovanni; a Barcellona con la campana a martello, com’era usanza, leva il popol all’arme. Indi, agli avvisi dell’occupato Rossiglione, corre a quelle frontiere; quivi dà ritrovo a ragunarsi le genti; ed egli, soprastato alquanto a Junquera per esser senza forze, penetrando che il nemico presenterebbesi la dimane, gittasi il dieci maggio a prevenirlo alle chiuse, o almeno morirvi re: con ventotto cavalli soli e settanta pedoni, monta sul colle di Paniças, che risguarda da un canto il golfo di Roses, dall’altro sovrasta a una stretta gola di monti, aspra sì, ma la meno in quelle giogaie. Quivi la notte fe’ porre sparsi e molti fuochi per finger grand’oste; e guadagnati con tale stratagemma uno o due dì, attendovvi poi le genti di Catalogna che s’andavano ragunando; la gola afforzò di ridotti, e munizion di botti piene di sabbia, e massi da rotolare dall’alto. Gli altri passi guardò con le poche forze che tor si potea d’allato; più tosto velette che schiere. Al campo di Paniças veniano a Pietro gli ambasciatori di Bohap, re di Tunis; e quivi stipulossi il due giugno un trattato di tregua e commercio per quindici anni, che dava reciprocamente sicurezza e favore alla navigazione e al commercio de’ sudditi dei due re, compresi espressamente in que’ di Pietro i Siciliani; e fruttava a Pietro il pagamento dell’antico tributo di Tunis alla corona di Sicilia, co’ decorsi di esso non pagati a Carlo d’Angiò. Con tal sicuro animo il re d’Aragona affrontò l’immensa ruina che gli sovrastava! Tenne ben tre settimane a pie’ de’ Pirenei l’esercito di Francia, che una volta fe’ prova a sforzar le chiuse, e funne respinto1.

Ma, come avviene, non mancò (e fu questa volta dei

  1. D’Esclot, cap. 139, 140, 142, 143 il quale porta il capitolo delle consuetudini di Barcellona, che prescrivea la leva in massa in caso d’invasione. Montaner, cap. 119 e 120. Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 53 a 60. Nangis, loc. cit., pag. 545. Veg. il trattato col re di Tunis, in Capmany, Memorias, etc., tom. IV.