Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/343

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1285] del vespro siciliano. 327

uomini non poltrissero. Non era, no, aggiugnea, vergogna di Pier d’Aragona tal nemico guasto di tutta la Catalogna. Ei, sol che avesse un destriero e una spada, saprebbe viver lieto quanto niun cavaliere; e nulla era il regno a lui, ma molto a’ Catalani lo giogo straniero: però non comandava, non isforzava; se voleano, s’armasser pure, ed ei mostrerebbe come farsi la guerra. Ubbidito, ordinolli in due grosse poste a Besalu e ad Hostalric, a fianco del nemico. Talchè punti dagli atroci oltraggi del Francese, adescati dal bottino, i Catalani diersi a infestar tutto il paese intorno intorno all’esercito. La lega d’Aragona pur si mosse a mandar qualche picciolo aiuto. E Pietro a poco a poco levandosi, e pensando anco al mare, inanimito dagli audacissimi fatti de’ suoi corsari, lasciò salpar di Barcellona l’armatetta regia, capitanata da Ramondo Marquet e Berengario Mallol1.

Ma ne’ vasti comprendimenti di Pietro, le fazioni navali, non che restarsi a tal corseggiare, eran parte principalissima di questa guerra; perchè sul mare avrebbe meglio bilanciato le forze l’armata siciliana, sulla quale ei facea molto assegnamento, per le fresche vittorie di Malta e di Napoli, e le genti audacissime, pratiche, leste, la straordinaria virtù dell’ammiraglio. Sapea inoltre il re, spezzata la flotta francese in varie squadre, a guardia di porti o convoglio delle navi, che di Provenza recavan vittuaglie all’esercito: talchè le galee di Sicilia potrebber ferire alla sprovveduta qualche gran colpo; e, intercetti i sussidi del mare, l’esercito affamerebbe nella Catalogna, diserta e infestata

  1. D’Esclot, cap. 157. Montaner, cap. 128 e 129. Bart. de Neocastro, cap. 92. Nangis, loc. cit., pag. 546. Chron. Mon. S. Bertini, in Martene e Durand, Thes. Anecd., tom. III, pag. 766. Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 61 a 63.