Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/344

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 la guerra [1285]

per ogni luogo dalle masnade paesane. Perciò Pietro con lettere e messaggi incalzava l’infante Giacomo, incalzava l’ammiraglio, perchè venisse incontanente la flotta; e ad una volta mandò tre spacci, per una galea e due legni sottili, divisi, affinchè se l’uno mal capitasse, non mancasse un altro: sendo in tutte le imprese di Piero, e massime in quest’ultima guerra, maravigliosa la cura ch’ei ponea nell’ordinare e grandi e picciole cose dassè. Comandava ancora al figliuolo d’inviargli il prigione principe di Salerno, come pegno di salvezza nelle sue estreme fortune. Ma Giacomo, ormai tenendosi in Sicilia come re, e non amando privar sè stesso della flotta nè del principe per accomodarne il padre in Aragona, indugiava; nè fu senza comandi più gravi del re, o forse voler dello stesso ammiraglio, che al fine la flotta partì. Eran da quaranta galee, siciliane la più parte, che osteggiando sull’Adriatico, avean preso Taranto e altre città, e speravano acquisti maggiori, quando fu forza voltare per Catalogna. Di questo viaggio narra Speciale, che la vigilia dell’Assunzione della Vergine, navigando presso la Goletta di Tunisi, festeggiavano i nostri con luminarie, com’era costume in Sicilia, ed è anch’oggi. In quel brio avvennesi nel navilio un altro messaggio del re: e, facendo da ciò buon augurio, confortate dall’ammiraglio, più alacri volaron le ciurme a quelle estranie guerre1 [52]2.

Tutta la state tenne fermo in Girona il visconte. Re Filippo moveagli assalto ogni dì; percotea le mura coi gatti, la città coi tiri delle briccole, dava scalate, fea scavar le cortine; ma il presidio punto non se ne mosse, opponendo ingegni agl’ingegni, armi alle armi; e in sortite bruciò le

  1. Bart. de Neocastro, cap. 92. Nic. Speciale, lib. 2, cap. 2. Montaner, cap. 112, 129, 135. Veggasi anche d’Esclot, cap. 158 e 165.
  2. D’Esclot, cap. 160 a 164.