Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1285] del vespro siciliano. 329

macchine, e i balestrier saraceni con mirabili colpi imberciavano, non pure gli scoperti, ma i riparati dietro macchine o case, e gli infermi per li spiragli delle finestre, e chi che fosse a gittata d’arco con due dita di luce da ficcarvi un quadrello1. E l’oste francese era già scompigliata e consunta. Arsevi, da disagi o aer malsano, una cruda morìa; infierita per la corruzion delle carogne dei cavalli, che a migliaia morivano da punture di tafani velenosi, ingombranti a nugoli la campagna, usciti la prima volta, così il volgo favoleggiò e qualche isterico con esso, dal sepolcro del beato Narciso, profanato dalla nimica rabbia2. Appigliossi la pestilenza al naviglio sì fieramente, ch’entro poche settimane le ciurme s’ammezzarono, e poi scesero al terzo, e più basso3. I Catalani intanto dalle poste di Besalu ed Hostalric scorrazzavano per tutto il paese; rapiano i traini delle vittuaglie, in quella carestia portate per mare a Roses, indi su vetture a Girona; sorprendeano le picciole schiere francesi; tagliavano a pezzi gli sbandati; s’arricchivano delle spoglie; vendeano i prigioni; saziavansi del sangue: infaticabili, pratichi, arrisicatissimi, e crudeli. Il mare stesso non era più sicuro ai nemici, poichè le undici galee di Barcellona, disperatamente investite venticinque delle francesi, rotto aveanle e preso; e indi i privati corsali, inanimiti, uscivan in maggior numero a tentar la fortuna4.

  1. D’Esclot, cap. 160 a 164.
  2. Nic. Speciale, lib. 2, cap. 1. Bart. de Neocastro, cap. 92 e 97. D’Esclot, cap. 160. Geste de’ conti di Barcellona, loc. cit. Montaner, cap. 128. Gio. Villani, lib. 7, cap. 102. Nangis, loc. cit., pag. 546. Chron. Mon. S. Bertini, loc. cit., pag. 766.
  3. Bart. de Neocastro, cap. 92.
  4. D’Esclot, cap. 157, 158. Montaner, cap. 128 a 133. Geste de’ conti di Barcellona, loc. cit. Nangis, loc. cit., pag. 546. Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 63, 64.