Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/346

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
330 la guerra [1285]

Allor Pietro manda intorno la grida della misera condizione dell’oste, e ch’uno sforzo la metterebbe al nulla: fa bandir da Alfonso la levata in arme in Aragona: ei stesso chiamavi i Catalani; da tutti con maggiore alacrità ubbidito, come portava la rivoltata fortuna. Cavalca indi al santuario di santa Maria di Monserrato, famosissimo per tutta Spagna: passavi una intera notte a pregare all’altar della Vergine: e la dimane uscendo la prima volta in campo, come se avvalorato dal Cielo, conduce cinquecento cavalli e cinquemila fanti dritto a Girona; e con quel pugno di gente, in faccia al nimico volteggiò, senz’altro schermo che le acque del Tar. Poggia indi al vicin monte di Tudela; e, abbandonatolo per non parergli opportuno, movea alla volta di Besalu, quando con poche forze trovossi in una terribile zuffa1.

Solo con dodici cavalli, uscito di schiera e di via, la notte innanzi il quindici agosto, andava a dar dritto in una torma di cinquecento cavalli francesi; se non che una parte de’ suoi uomini d’arme e poche centinaia d’almugaveri, che lui smarrito cercavano, s’accorsero de’ nimici. Senz’arnese il re cavalcava. Ma come di qua, di là correr vede e venirsi alle mani, sprona nel mezzo, e grandissime prove fe’ della sua persona. Leggiamo che recisegli le redini del cavallo, accerchiato da molti cavalieri, si sviluppò fieramente, uccidendone molti con la mazza; e che un lanciotto vibratogli da presso, si piantò nell’arcion della sella: che d’Esclot vide con gli occhi suoi l’arcione e la spezzata punta. Aspro l’affronto delle altre genti anco si

  1. D’Esclot, cap. 159. Bart. de Neocastro, cap. 92. Surita, Ann. d’Aragona, lib. 4, cap. 65.