Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1268] del vespro siciliano. 37

non fu contento della lor sola morte, in vendetta del toltogli uficio di senatore della città. Comandava nel primo boglimento di rabbia, che fosser mozzi i piè a quei prigioni; ma per timore che portassero miserando spettacolo, da rinfocare contro di lui gli animi in Roma, l’ordine rivocò, e chiuder li fece entro una casa, e vivi brugiare. Quest’era il campion della Chiesa! Corradino fuggendo fu conosciuto ad Astura, e preso a tradimento. I partigiani ch’eran tuttavia grossi di numero, perdetter l’animo a quella rotta; si sbrancarono; pensò ciascuno a salvar sè solo; e tutti furon perduti1. Quel d’Angiò, come avea preso tanto stato, così il mantenne, per una sola battaglia. Ma per che modo sì assicurava e vendicava, m’è duro a narrarlo.

E comincio da Corradino, comechè pria del suo sangue scorresse già quel de’ sudditi a fiumi. Altri appone a Clemente il mal consiglio, altri lo scolpa; io penso che il papa e il re d’un animo volesser la morte del giovanetto, stimolati entrambi da rabbia d’aver tremato, e sospetto dell’avvenire. Nè sicari in carcere, ma rappresentanti della nazione in faccia alla nazione e a Dio, bruttavansi del comandato assassinio. Convocò re Carlo un parlamento di baroni, e sindichi, e buoni uomini delle città di Puglia; a scherno osservar fece tutte del giudizio le forme: talchè par vedere altri tempi a leggere con che sillogismi quella straordinaria corte dannava a morte Corradino e i seguaci suoi, come in tali casi è costume. Ed ebbe animo ad opporsi un Guidone da Suzara, famoso professor di dritto civile, che non era suddito di re Carlo nè si curava della sua grazia; e lor coscienze rimordean gli altri; e piangeano in cuore i buoni; i Francesi stessi esecravano il crudele atto del re: ma il re volea, e tremavano i giudici, onde ogni schermo fu vano. Un fanciullo di sedici anni, ultimo erede di tanti impera-

  1. Gio. Villani, lib. 7, cap. 24 al 27.
    Bart. de Neocastro, cap. 9.
    Saba Malaspina, lib. 4, cap. 13.