Pagina:La guerra del vespro siciliano.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 la guerra [1266-82]

vecchi, fanciulli, adulti, donzelle serransi alla rinfusa come un sol gregge; occasione, o pretesto a violenze maggiori1. «Mille nuove arti (sclama, trasportandosi a’ tempi del servaggio, una rimostranza de’ Siciliani ammoniti dopo il vespro a tornarvi), mille nuove arti insegnava a costoro l’inestinguibil sete, il furore dell’avarizia. Sulle liste dei riscuotitori gli uomini son cresciuti; ma ben le liste di proscrizione li scemano. Nostri non sono i beni; per costoro ariamo il suolo. Oh si lasciasse ai coltivatori un tozzo di pane! Oh mangiassero, ma non divorassero! Ma no; le persone non difendono i beni; nè i beni salvano le persone. Tutto bevono, tutto succhiano questi vermi insaziabili. Appena ci è concesso disputare ai corvi i brani delle carogne2

Tra la moltitudine de’ poveri straziata a tal modo, i ricchi non compravano almeno la sicurezza delle persone col sacrifizio de’ beni. Pagavan le tasse, e non bastava; ricusandosi dagli officiali la scritta del ricevuto, finchè non avessero una grossa mancia3. Il re dal suo canto vuol da loro tutta la colletta del paese, immantinenti, in moneta; pensin essi a riscuoter dagli altri. Chi ricusa, in prigione, in catene, finchè non prenda l’uficio; nè esce poi per questo, senza pagar nuova taglia per riscatto dalla prigione. Uno n’esce; un altro sen trova, ch’è pelato con lo stesso argomento fiscale: strano ed esorbitante peso in quei tempi, in cui sì alto montavan le usure del danaro. Frequentissimi

    • Lettera de’ Siciliani al papa Martino IV, nello Anonymi chronicon siculum, cap. 40, presso di Gregorio, Bibl. arag. tom. II, pag. 154.
    • D’Esclot, cap. 88. Questi assicura che si levavano infino a quattro collette in un anno, ed aggiugne un’altra crudeltà, non rapportata dai nostri, e perciò men da credersi; cioè che marchiavano in fronte cui non pagasse le collette, e che i riscuotitori portavano due collari colle catene appesi all’arcion della sella, e vi attaccavano pel collo i debitori.
  1. Docum. VII.
  2. Capitoli del regno di Napoli, pag. 26.