Pagina:La lanterna di Diogene.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 199 —

— Meglio avere una casa col tetto. Quando piove forte e per molto tempo, l’acqua ci entra (indicò la tenda), e non sempre dura l’estate.

La mia presenza interruppe il dialogo. La donna volse su di me, intruso, le sue pupille umide, dilatate, piene di investigazione superba, che dicevano: «Perchè voi vi fermate a guardare gli zingari mentre li guardo io?» e rivolta a loro:

— Prendete, — disse interrompendosi, — e offerse delle monete.

Sbucarono alcuni corpi scimmieschi di bambini, dalle pupille fosforescenti; lunghe mani si tesero. Diedero una moneta ad ognuno.

— Grazie, — disse l’uomo in nome dei bambini.

— Buona sera, — ed ella s’allontanò lentamente.


*


La riconobbi allora. Ella era quella ciclista che spesse volte avea veduto, maschilmente sola, sicura, lanciare, sotto l’impulso del bel piede, la docile macchina leggera e oltrepassarmi. Nella sua mente, sì certo, si deve formare questo nucleo di idee mentre fugge veloce. Oh, perchè non è ella Saffo o Corinna per dare all’idea forma di verso?