Pagina:La madre (1920).djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 136 —

vere, andate, andate in pace; so io adesso quello da farsi.

La guardia ritornò fuori.

— Non parla più — disse — ma da un suo cenno ho potuto capire che ha regolato tutte le sue cose. Nicodemo Pania, — aggiunse rivolgendosi al nipote, — in tua coscienza, puoi assicurarci che possiamo andare tranquilli?

— Salvo il santissimo sacramento dell’estrema unzione, potevate anche non venire. Che cosa v’importa dei fatti miei?

— Bisogna rispettare la legge! E non alzare la voce, Nicodemo Pania.

— Basta, adesso, non gridate, — disse il prete accennando la capanna

— Lei m’insegna che nella vita non c’è che un dovere: fare il proprio dovere, — sentenziò la guardia.

E il prete balzò in piedi, punto da quelle parole; tutto oramai gli parlava al cuore, e gli pareva che Dio stesso pronunziasse i suoi voleri per bocca degli uomini.

Rimontò a cavallo e disse al nipote del vecchio: