Pagina:La pastorizia.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo. 57

E troppo il Sol di nutritivi umori
E di succo bevea dalle già pronte
335A metter frutto, e mal cede lo stelo. —
Al monte, poichè il Sol da tutte parti
Saettò l’ombre, il mandrian conduca
Le fameliche greggi, e lor non vieti
Irne sbrancale e spazïar solette,
340Secondo che più verde e che più lieto
Il pascolo le inviti. In mezzo a queste
Ei segga, e non lontan cantando intessa
Corbe e fiscelle, o con soavi e chiare
Note dalla zampogna il suon risvegli
345D’amorose canzoni. I bruti ancora
Dolce affrena un bel canto, e lega i sensi.
Immote allor le pecorelle dànnosi
A pascer liete, gli agnelletti belano
Mollemente alle madri e si accarezzano,
350E queti i cani dal latrar rimangono.
     Ma se libero va per li felici
Poggi l’armento errando a suo diletto,
Non però molto si dilunghi. Acuto
Sorge talor di spine irto veprajo
355Che di punture insanguina la pelle;
E se move il pastor lungo le spesse