Pagina:La regina delle tenebre.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 129 —

un lato, dall’altro gettavano lunghissime ombre sull’erba oscura. Un silenzio altissimo, una quiete arcana. Si sentiva la rugiada cadere e fondersi alle fragranze notturne.

Il servo s’era alquanto assopito, ma anche nel sonno, inquieto, lievissimo, pensava confusamente e aspettava.

Udì da lontano i passi di Giame e si svegliò ma non si mosse, e rinchiuse gli occhi quando il giovine padrone gli fu vicino.

— Ghisparru? Balio? — chiamò Giame. — Dove sei? —

L’altro zitto; ma sentiva battere violentemente il cuore. Alfine Giame lo vide, si accostò, si gettò sull’erba.

— Balio, svegliati, son io! — disse, scuotendolo.

Il servo finse svegliarsi, si sollevò e fissò Giame in volto.

La luna brillava davanti a loro, facendo scintillare i lunghi steli del fieno e attraversando le rosee coppe dei papaveri.

— Cosa vuoi? — domandò il vecchio servo. — Perchè sei così pallido? —

Poi si pentì di questa domanda. Pensò: ho fatto male! Non dovevo accorgermi di nulla!

Giame non sapeva come cominciare: sen-


9 - deledda. La regina delle tenebre.