Pagina:La regina delle tenebre.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 27 —


— Forse tarderà a ritornare — pensò. — Ebbene, vuol dire che prolungherò la mia agonia: ma il bambino non lo consegno a nessuno. Bisogna che il padre sappia, che apra gli occhi e lo protegga. —

Fece sedere il bimbo accanto al suo scrittoio e gli pose avanti un volume di Grimm, con illustrazioni colorate (glielo avevano mandato per farne la recensione).

Gino stette quieto, sfogliando lentamente il volume.

Matteo prese una cartella e scrisse qualche riga, che poi lesse attentamente, mentre si passava una mano sui capelli.

«S’è trovato un bimbo smarrito, che dichiara chiamarsi Gino Lauretti, di Andrea. I parenti possono presentarsi in via tale, numero tale, per riprenderlo».

— Pare si tratti d’un oggetto — pensò Matteo sollevando il capo, e piegando la cartella. Anche Gino sollevò la testa.

— Perchè ci hai gli occhiali? — domandò.

— Perchè ci vedo poco — rispose Matteo ridendo.

— Si vede di più con gli occhiali? Dammeli che provo. —

Matteo se li tolse e glieli mise.

— No, no, così, — disse il bimbo levando-