Pagina:La riforma dell'Alcorano.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20


nemico perversissimo di essi, perseguitandoli fino ad approvare nella sua Religione l’odio, e l’avversione. L’Ente Supremo, che non nega: il suo lume a nessuna creatura prescrive l’amore de’ suoi simili, e questo deve essere la massima fondamentale della Riforma dell’Alcorano per venire felicemente allo stabilimento della generale uguaglianza, che compirà le vostre brame nell’anno Augusto, e Rispettabile. Quindi, dimostrerete la stoltissima presunzione di comparire più eminenti colla distinzione degli abiti, ovvero de’ Turbanti usati finora dai Mussulmani, e proibiti agli altri che sono di diversa Setta. Ogni Città sceglierà il suo colore preso da alcun fiore: dal Giglio, dalla Rosa, dal Garofano ec. affinchè con le vestimenta spiranti