Pagina:La riforma dell'Alcorano.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50

pieni di gioje, armati, gonfi, ed affettati; questi poveri, umili, disarmati, e sinceri, risponde loro in questi termini: „ Siete tutti miei cari Sudditi, e per l'avvenire non voglio differenza alcuna: non solo vi accordo quanto voi chiedete, ma di più io vi libero da ogni oppressione, sgravandovi da tutti i pesi: io non voglio altro se non quello, che spontaneamente ogni anno vorrete darmi per le spese pubbliche: un fedel Ministro, il quale se tale non sarà, consegnerò volentieri in balìa del vostro furore, passerà ogni anno per i vostri Paesi con una Cassa sopra un Carro, ed ogni famiglia darà ciò, che le piacerà; ed aggiungo, che il Ministro avrà ordine di dare dalla stessa Cassa pubblica alle povere Famiglie ciò che abbisogneranno.