Pagina:La riforma dell'Alcorano.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

51

Di più voglio castigare i miei Ministri, e Consiglieri condannandoli per un anno intiero a lavorare con voi altri, cibandosi, e vestendosi nella maniera, che voi altri, perchè così imparino a compatire la vostra sorte: similmente i Nobili, che hanno abusato della pazienza de’ loro Servitori, e Domestici subiranno la pena di dovere, per un anno portare la Livrea di Servitore, e soggiacere a tutte le loro fatiche. Queste sono le mie risoluzioni, che farò eseguire a puntino, e ad ognuno di voi sarà lecito di ricorrere liberamente al mio Trono nelle proprie querele. Questo Principe così saggio, è vicino a nascere, e voi Mussulmani lo vedrete, e vi stimerete fortunati di assoggettare a lui i vostri popoli dopo esservi liberati da’ Sultani.