Pagina:La scaccheide.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

* xi. *

Il Re si chiude e la Real Consorte.
95Poi di tremole creste adorni e vaghi
Frenan due Cavalier in ambo i campi
Pronti a correr fra l’arme i lor destrieri
Di quà poscia e di là su l’ali estreme
Vedi sorger due Rocche, alte murali
100Macchine, cui gl’Indi Elefanti in guerra
Portan su i dorsi immani. Otto pedoni
Al fine in una schiera, ed altretanti
Sieguon ne l’altra, e la seconda fila
Quinci ad essi le sedi, e quindi appresta.
105Parte del Re sono scudieri, e parte
De l’armigera Sposa ancelle fide;
E de la guerra a lor conviene i primi
Tentar perigli, e cominciar gli assalti.
Appunto tal la legion di bosso,
110Distinte le falangi in ordin doppio,
Si dispose quà e là ne’ campi suoi,
E tali di color diverse ed armi
Fiammeggiar si miraro ambedue l’ale,
Qual se dal gelo alpino i bianchi corpi
115Mova Gallico stuol con bianche insegne
Contro le Orientali ultime schiere,
E del nero Mennòne a lui simìli
Le accolte genti, e gli Etiòpi ignudi,