Pagina:La scotennatrice.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 emilio salgari


Ormai la notte era calata e le tenebre si erano addensate sui fianchi della montagna, affollandosi sotto le boscaglie che si inerpicavano fino quasi sotto le vette.

Gli astri però scintillavano superbamente in cielo e quella tenue luce bastava a proiettare sulla crosta terrestre un chiarore sufficiente per potersi guidare anche in mezzo all’oscurità.

Sandy Hook che pareva conoscesse palmo a palmo tutta la catena sulla quale forse molte volte aveva lavorato alla testa dei suoi banditi, non esitava mai sulla direzione da prendere.

Terminato il cañon, affrontò le ultime boscaglie formate da gruppi di piccoli pini e di abeti, e mosse risolutamente verso il culmine della montagna seguendo un sentiero che lui solo probabilmente conosceva.

Distavano appena quattrocento metri dalla cima, la quale si alzava in forma di una piccola piramide tronca, quando il bandito si arrestò bruscamente, dicendo:

— È il momento di lasciarci.

— Come!... Ve ne andate di già? — chiese John. — E noi?

— Voi seguirete questo sentiero che gira intorno alla piramide e che i mustani potranno superare senza troppe fatiche, poichè anche i cavalli della mia vecchia banda lo scalavano e qualche volta anche al piccolo trotto quando il pericolo incalzava.

«Lassù troverete una specie di piccolo campo trincerato, difeso da rocce, dove potrete accamparvi senza correre nessun pericolo, poichè nemmeno gl’indiani lo hanno mai veduto.

«Era l’osservatorio e nel medesimo tempo il ridotto della mia truppa.

— E che cosa faremo noi lassù? — chiese Turner.

— Nulla: mi aspetterete e vi terrete pronti a proteggere la mia ritirata se l’impresa che sto tentando andrà male, ciò che non credo però.

— Sicchè andrete solo al campo di Sitting-Bull?

— Io sono un indiano ed anche assai conosciuto, quindi nulla avrò da temere e poi troverò laggiù anche Minnehaha e Nube Rossa, ma mi guarderò bene dal visitarli se non in caso di estremo bisogno.

— Avete ragione — dissero Giorgio ed Harry.

— La mia assenza spero che sarà brevissima. Ho in testa un certo progetto che, se riuscirà, più tardi farà montare sulle furie Toro Seduto.

«Vi raccomando di non sparare nemmeno un colpo di fucile per non farvi prendere dalle avanguardie indiane che forse accampano a non molta distanza da qui.

«Addio, signori, e se fra tre giorni non mi vedrete ritornare, dite pure che Sandy Hook ha finita la sua carriera ed ha perduta la sua capigliatura.

— E i miei bisonti? — chiese in quel momento lord Wylmore.

— Andate al diavolo — rispose il bandito, facendo fare al mustano un gran salto che lo portò fuori dal sentiero. — Buona notte a tutti.