Pagina:La secchia rapita.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO SECONDO 19


III.


Un vecchio ranticoso affumicato,
     Pallido e vizzo, che parea l’inedia,
     E per forza tener co’ denti il fiato,
     28E potea far da Lazzaro in commedia;
     Poichè due volte intorno ebbe mirato,
     Incominciò così dalla sua sedia:
     Messeri, io son Marcel di Bolognino,
     32Dottor di legge e conte palatino.

IV.


Il mio collega è conte e cavaliero,
     E Ridolfo Campeggi è nominato.
     Io son uomo di pace, egli è guerriero;
     36Io lettor dello studio, egli soldato.
     Or l’uno e l’altro ha qui per messaggiero
     Il nostro reggimento a voi mandato,
     Per iscusarsi del passato eccesso
     40Che ’l popol nostro ha contra voi commesso.

V.


Il popol nostro è un popol del demonio,
     Che non si può frenar con alcun freno;
     E s’io non dico il ver, che san Petronio
     44Mi faccia oggi venir la vita meno.
     Sarà il collega mio buon testimonio,
     Che quando l’altra notte ei passò il Reno,
     Fu mera invenzíon d’un seduttore,
     48Nè il reggimento n’ebbe alcun sentore.

VI.


Ma non si può disfar quel ch’è già fatto.
     D’ogni vostro disturbo assai ne spiace;
     E siam venuti qua per far riscatto
     52De’ morti nostri, e ad offerirvi pace:
     Ma vogliam quella Secchia ad ogni patto,
     Che ci rubò la vostra gente audace;
     Perchè altramente andria ogni cosa in zero,
     56E ci scorrucceremmo daddovero.