Pagina:La signora dalle camelie.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 68 —


io abbia una fortuna e la troverò. Mio fratello ti darà mie notizie e ti dirà quanto ho pianto al momento in cui doveva separarmi da te.» (Getta il libro sul tavolo e resta per un momento pensieroso) Questa lettura mi fa male... ho bisogno di veder Margherita. (suona) Mio padre è probabile che non venga per questa sera: dite alla signora che può ritornare.

Nanetta. La signora non è ad Auteuil.

Armando. Come!

Nanetta. Credo sia andata a Parigi.

Armando. La signora Duvernoy è pure partita con lei?

Nanetta. No, era partita prima che voi ritornaste.

Armando. Va bene. (Nanetta esce) È capace di essere andata a Parigi per occuparsi della vendita progetgettata; per fortuna che la signora Duvernoy è da me prevenuta e la impedirà, (guarda per la finestra) Pure in giardino vi è qualcuno... Fosse già ritornata?.. Non so... ma questa solitudine mi spaventa! è necessario che mi assicuri io stesso. (per uscire).

Commesso. Il signor Armando Duval?

Armando. Sono io.

Commesso. Questa lettera è per voi.

Armando. Da qual luogo la recate?

Commesso. Da Parigi.

Armando. Chi ve l’ha consegnata?

Commesso. Una signora.

Armando. Ma come avete fatto a giungere sin qui?

Commesso. Il cancello del giardino era aperto, io non ho incontrato alcuno; ho veduto un lume in questa sala, ed ho creduto...

Armando. Va bene, andate. (Commesso esce) Questa lettera è di Margherita... Ma perchè io tremo nel-