Pagina:La vite, l'acquavite e la vita dell'operaio.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Qui, come vedi, molto mi verrebbe da dire per te e l’arte tua; e la materia per la lettera sarebbe trovata: ma questo non è il luogo.

Ti lascio dunque, pregandoti ad accettare, qualunque sia, questa Lezione, come segno di quell'alta stima e amicizia sincera ch’ebbi sempre per te. Me felice, se queste mie povere parole potranno raggiungere in parte lo scopo civile, che tu hai voluto dare alla tua tela, e che la tela, ne son sicuro, fra le tue mani raggiungerà.

Voglimi bene, e credimi cordialmente


Siena, 24 luglio 1868.

il tuo affez.

Carlo Livi.