Pagina:La vite, l'acquavite e la vita dell'operaio.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 la vite, l’acquavite e la vita dell'operaio


valorosi avanzi della fatica! Una salva di applausi gli accoglie: il sindaco ne dice i nomi od i meriti, e a nome della città gli dichiara degni di premio. I loro nomi poi vengono banditi solennemente dai veroni del palagio; e il popolo esulta festosamente, perchè in que’ vecchi vede premiato sè stesso. Essi discendono in piazza, e accompagnati dal sindaco e dal fiore de’cittadini, in mezzo alla folla plaudente, vengono condotti all’asilo.

Entrate fidenti, o buoni vecchi. Voi che lavoraste nel corso lunghissimo degli anni vostri, venite a riposarvi. Voi che non beveste mai acquavite, venite, sedetevi a questa mensa, dove l’umore della vite scende a confortare lo stomaco e a giocondare la mente. Voi che non bestemmiaste mai o rinnegaste la provvidenza, nè offendeste mai le leggi umane e divine, godetevi in pace la vostra vecchiaia, benedetta dagli uomini e dal cielo.

Addio.

Direttori della Scienza del Popolo Editori:
P. GRISPIGNI, L. TREVELLINI, E. TREVES & C.
in firenze. in milano.