Pagina:La zecca di scio.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58

grammi 0.675, altri sonovi di grammi 0.610 e grammi 0.445, e tutti di lega, come abbiamo riconosciuto, bassissima; onde non dubitiamo di dire che sono caratti, specie minima fra quelle d’argento che a quest’epoca battevansi ancora nell’isola.

In seguito non troviamo più monete basse, ma solamente di rame, e nella serie di queste la prima (T. IV, n.° 42) ha il campo del diritto spaccato in due; nel primo evvi il castello e l’aquila coronata, e nel secondo il simbolo del tempio dei tornesi e sotto B • I, con attorno + • CIVITAS • CHII, e nel rovescio una croce patente con + • CONRADVS • REX • ROMA •, e pesa grammi 4.580.

Si è collocata questa per la prima perchè parci la più antica di tutte avendo quel tempietto che sulle altre non vedesi, e tenendo iniziali che non possono attribuirsi che a Battista Giustiniani Campi podestà nel 1487 e 1488.

La seconda (T. IV, n.° 43) è uguale alla precedente, salvochè l’aquila è senza corona, e ciò per inavvertenza dell’intagliatore del conio; è del peso di grammi 4.400.

La terza (T. IV, n.° 44) nel diritto colla stessa leggenda delle precedenti ha nel campo solamente il castello turrito con sopra l’aquila nascente coronata, ed accostata dalle lettere N • I; nel rovescio poi attorno alla solita croce ha + CONRADVS • REX ROMANOR • Pesa grammi 3.000, ed un altro esemplare simile grammi 2.100.

La quarta (T. IV, n.° 45) è in tutto uguale alla suddetta, ma nel rovescio leggesi + CONRADVS • REX • ROMANO •, e questa pesa grammi 4.500. Chi si volesse indicare colle lettere N • I non è certo, tre essendo stati i podestà nel secolo XVI ai quali si possono attribuire questi pezzi, cioè Nicolò di Andriolo Giustiniani Campi, che lo fu nel 1512 e 1538, Nicolò di Vincenzo Garibaldo nel 1528 e Nicolò di Silvestro Giustiniani Campi nel 1504.

La quinta (T. IV, n.° 46) dalla parte dello stemma ha le lettere D • I, e da quello della croce + CONRADVS • REX • RO •, ed è di grammi 4.400.

La sesta (T. IV, n.° 47) simile alla precedente ha dal lato della croce + • CONRADVS • REX • ROMA •, ed è di grammi 5.420.

In questi due pezzi le iniziali D • I indicano Domenico di Gio. Antonio Giustiniani Campi che fu podestà nel 1529.