Pagina:Laerzio - Vite dei filosofi, 1845, II.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

39


CAPO III.


Monimo.


I. Monimo siracusano, discepolo di Diogene, fu, secondo Sosicrate, famigliare di un cambiatore corinzio. Venendo frequentemente da costui quel Seniade che aveva comperato Diogene, e raccontandone le virtù, sia d’opere che di parole, fece innamorar Monimo di quello. Il perchè ad un tratto fingesi pazzo; getta qua e colà le piccole monete e tutto l’argento ch’era sul banco; tanto che il padrone lo licenziò. Ed egli subito fu di Diogene. — Spesso accompagnava anche Crate, il cinico, e co’ siffatti bazzicava, onde il padrone, che lo vedeva, stimavalo pazzo tanto di più.

II. E divenne uomo celebrato a tale, che anche il comico Menandro fa memoria di lui. In qualche suo dramma pertanto, cioè nell’Ipponico, disse così:

     Sapient’uomo, o Filone, era un tal Monimo,
     Ma più oscuro; nè aveva una bisaccia,
     Ma tre bisacce. Pur costui, per dio,
     Non fea suonare alcun motto conforme
     Al conosci te stesso, o ad altri tali
     Romoreggianti. Sordido, mendico
     Tali cose ei neglesse; poichè quanto
     Noi concepiamo tutto esser fumo disse.