Pagina:Landi - Vita di Esopo, 1805.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

F A V O L A 131

tare fu conosciuto, e fuggì la morte.

Sentenza della favola.

La favola ci dà a dinotare, che la Virtù all’uomo giova anco ne’ pericoli di morte.


Della Rondinella, e la Cornacchia. 57.


La Rondinella, e la Cornacchia combattevano insieme della bellezza; la Cornacchia disse: la tua bellezza solamente fiorisce la Primavera, e la mia dura ancora di Verno.

Sentenza della favola.

La favola dinota la forma del corpo essere migliore, che la bellezza.


Del Moro. 58.


Un uomo ricco comprò un Moro, e pensando quel color negro essere per negligenza di quello, tentò per ogni via levarlo, ma non potè mai mutar colore.

Sentenza della favola.

La favola significa, la natura di prima sta sempre ferma, e ch’egli tentò l’impossibile.


Della Civetta, e della Nottola. 59.


La Civetta pendendo da una finestra, la Nottola gli domandò la causa, perchè il