Pagina:Landi - Vita di Esopo, 1805.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 D I   E S O P O

giorno stesse quieta, e la notte cantasse. Quella rispose, che questo ella faceva, perchè un giorno cantando fu presa. Allora la Nottola disse: Adesso non importa, che tu sii cauta, perchè non hai alcuna utilità, ma questo dovevi fare avanti, che fossi presa.

Sentenza della favola.

La favola significa, che nelle avversità è inutile la penitenza.


Delle Lumache. 60.


Un figliuolo d’un Villano cuoceva al fuoco delle Lumache, e sentendo, che quelle stridevano disse: O ribaldi, e cattivi animali, abbrucciano le vostre case, e voi cantate.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che ciò, che si fa fuor di tempo è vituperoso.


Di una Vedova, e le fantesche. 61.

Una Vedova aveva certe fantesche le quali soleva ogni notte destare al cantare del Gallo. Onde essendo esse faticate assai, furono tutte di parere d’uccidere il Gallo domestico