Pagina:Latini - Il Tesoro, 2, 1877.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



197

corto olle il vanao molto corcando, o quando non

lo possono trovare, chò è perduto, allora osserva castitade, e più non beo acqua chiara, e non si posa mai in alcun ramo verde, anzi sempre in secco.

Capitolo XXXV.


Dell* avoltoio.

Avoltoio ò uno uccello molto grande simigliante alT aquila, e, secondo che dicono molti ’, egli sonte olore., più che niun altro animale; ch’egli sente la carogna più di cinquecento miglia ^ In quella parte ov’ olii usano di stare, è molta uccisione d’uomini, o grande mortalità di bestie \

1) Secondo che dicono molti, iii;iucn al x.

2) Il t: conoist odor d’ onte.

3) Il T; neis daoutre mer en faire il la charoigne.

4) Il t varia: et si dìenl cil qui l’ont en costume, que il ensuit les oslz des homes là où il doit avoir grani foison de charoignes; et ainsi devinent que en cel ost sera grant occision d’ ornes et de lestes. Due Codici del Chal)aille si accostano meglio alla lezione di Bono.