Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
GRAZIUOLO DE’ BAMBAGIUOLI



XXVII

Della propria natura della magnanimità.


     Magnanimo è colui che con ragione
All’alte imprese attende.
Onor di campo o d’arme a lui s’arrende
Per lui ben si dispone,
E tanto cresce a lui pregio et onore,
Che la sua chiara fama mai non more.



XXVIII

Dell’ardire e del timore che contrario alla fortezza


     Nè timor nè ardire
Al saggio si convene;
Perchè ’l timido manca e perde spene,
L’ardito eccede e spiace;
Ma sicurtà verace
È pace della mente
Armata e forte contr’ogni accidente.



XXIX

Che niuna vendetta rimane che non si faccia.


     Speri ciascun offeso in basso stato
Veder, se ’l tempo aspetta,
Contro al possente altier giusta vendetta;
Perchè fortuna non tien fermo lato,
Ma tosto fa cader uomo esaltato.



— 172 —