Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME

Con tanto vivo e lucente splendore
Che propriamente par che dal sol esca:
Virtù mostra che loro onor più cresca.
10Ond’io che sì leggiadra star la veggio
Così fra me sospirando ragiono
— Oimè, perchè non sono
A solo a sol con lei ov’io la chieggio?
Sicch’io potessi quella treccia bionda
15Disfarla a onda a onda,
E far de’ suoi begli occhi a’ miei due specchi,
Che lucon sì dhe non trovan parecchi. —
     Poi guardo l’amorosa e bella bocca,
La spaziosa fronte e ’l vago piglio,
20I bianchi denti, e ’l naso dritto, e ’l ciglio
Polito e brun tal che dipinto pare.
E ’l vago mio pensiero allor mi tocca
E dice — Vedi allegro dar di piglio
In su quel labbro sottile e vermiglio,
25Che d’ogni dolce saporito pare!
Deh odi il suo vezzoso ragionare
Quanto ben mostra morbida e pietosa,
E come il suo parlar parte e divide!
Guarda quand’ella ride,
30Che per diletto passa ogni altra cosa! —
Così di quella bocca il pensier mio
Mi sprona; perchè io
Non ho nel mondo cosa che non desse
A tal che un sì con buon voler dicesse.
35     Poi guardo la sua svelta e bianca gola
Com’esce ben delle spalle e del petto,
E ’l mento fesso e tondo e piccioletto
Tal che più bel cogli occhi no 1 disegno.
E quel pensier che sol per lei m’invola
40Mi dice — Guarda e vedi bel diletto
Aver quel collo fra le braccia stretto
E fare in quella gola un picciol segno! —
Poi sopraggiugne e dice — Apri lo ingegno:
Se le parti di fuor son così belle,
45L’altre che dèn valer che dentro copre?
Che sol per le bell’opre


—237—