Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

RIME

Trattando con vaghezza lor natura.
20E sento ogni boschetto risonare
De’ dolci canti lor, che son sì belli
Che vivi spiritelli
Paion d’amor creati a la verdura;
Fuggita è la paura
25Del tempo che fu lor cotanto greve,
E così par ciascun viver contento.
Ma io, lasso!, tormento
E mi distruggo come al sol la neve;
Perchè lontan mi trovo dalla luce
30Che ogni sommo piacer da se conduce.
     Simil con simil per le folte selve
Si trovano i serpenti a suon di fischi;
In fino a’ basilischi
Seguon l’un l’altro con benigno affetto;
35E i gran dragoni e l’altre fere belve,
Che sono a riguardar sì pien di rischi,
Punti d’amor e mischi
D’un natural piacer prendon diletto.
E così par costretto
40Ogni animai che in su la terra è scorto
In questo allegro tempo a seguir gioia.
Sol io ho tanta noia
Che mille volte il dì son vivo e morto.
Secondo che mi sono o buoni o rei
45I subiti pensier ch’io fo per lei.
     Surgono chiare e fresche le fontane
L’acqua spargendo giù per la campagna,
Che rinfrescando bagna
L’erbette i fiori e gli arbori che trova.
50E i pesci ch’eran chiusi per le tane
Fuggendo del gran verno la magagna.
A schiera e a compagna
Giuocan di sopra sì ch’altrui ne giova:
E così si rinnova
55Per tutto l’alto mare e per li fiumi
Fra loro un disio dolce che gli appaga,
E la mia cruda piaga
Ogn’or crescendo par che mi consumi;


—243—