Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/331

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

FEDERIGO D’AREZZO



     Gli antichi bei pensier convien ch’io lassi
E ’l gran desìo e la speranza mia,
E quell’usata e tanto bella via,
4E ’l vago rimirare e i dolci passi;
     E la fenestra dove spesso fassi
Il sol degli occhi bei che mi struggìa
Quando soletta seco sorridìa,
8Tra mille altri piacer ch’io già ne trassi;
     E ’l seguir ch’io solea delle dolci orme,
Quando passava, pronto in ogni canto,
11E ’l ragionar di lei e di sue forme;
     E le lagrime ancor ch’io sparsi tanto
Punto da quel ch’in cor gentil non dorme,
14E ’l sonar per vaghezza e ’l giuoco e ’l canto.



Rime di Cino da Pistoia e d’altri del sec. XIV. 21