Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 porco e pepe.


marino che si chiama stella,” pensò Alice. Il poverino, quando Alice lo prese, stronfiava come una macchina a vapore, e continuava a contorcersi e a stiracchiarsi, di tal che ella ebbe la maggior pena del mondo per tenerlo.

Quando la fanciulla trovò la maniera di ninnarlo a modo (e ciò consisteva nell’averlo aggruppato bene come un nodo, e afferrato all’orecchio destro e al piede sinistro, per non permettergli di sciogliersi) lo portò all’aria aperta. “Se non porto via questo bambino meco,” osservò Alice, è certo che qualche giorno l’ammazzeranno; non sarei colpevole d’un assassinio se lo abbandonassi?” Ella pronunziò le ultime parole a voce alta, e il poverino si mise a grugnire per risponderle (non starnutiva più allora). “Non grugnire,” disse Alice, “non sta bene esprimersi a quel modo.”

Il bimbo grugnì di nuovo, e Alice lo guardò con molta ansietà per vedere che avesse. Aveva un naso che s’arricciava troppo, e non c’era dubbio che rassomigliava più a un grugno che a