Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 un tè di matti.

“Ah! e questo spiega tutto,” disse il Cappellaio. “Ei non vuol essere battuto. Se lei non si bisticciasse con lui, egli farebbe dell’oriuolo ciò che ella vuole. Per esempio, supponga che sieno le nove della mattina, ch’è l’ora per le lezioni: basterebbe ch’ella bisbigliasse una parolina al Tempo, e subito girerebbe la lancetta! Il tocco e mezzo, l’ora del desinare!”

(“Vorrei che fosse,” bisbigliò la Lepre-marzolina.)

“Sarebbe magnifica, davvero,” disse Alice, pensierosa: “ma non avrei fame a quell’ora, capisce.”

“Da principio forse, nò,” riprese il Cappellaio: “ma lei potrebbe fermarlo sul tocco e mezzo, quando vorrebbe.”

“Ed ella fa così?” domandò Alice.

Il Cappellaio scosse la testa mestamente e rispose. “Io no! Ci siamo bisticciati nello scorso marzo — proprio quando egli divenne matto — ” (ed indicò col cucchiaino la Lepre-marzolina), “— già, fu al gran concerto dato dalla Regina di Cuori: — ivi dovetti cantare: